VIDEO / Caso Manzo, troppa omertà a Prata. Procura-carabinieri, stessa tesi

0
1718

Caso Manzo, troppa omertà a Prata. Il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Bramati, non lo dice espressamente in questi termini, ma il senso è questo. Nel corso della conferenza stampa di bilancio di un anno di attività dell’Arma in Irpinia, siamo partiti da quanto mise in evidenza il Procuratore di Avellino, Domenico Airoma, alcuni mesi in relazione alla scomparsa del 71enne, di cui non si hanno più notizie ormai da due anni. Il capo della Procura parlò di “clima di omertà”. “L’osservatorio del dottore Airoma è il nostro”, dice il comandante Bramati. Una frase che evidenzia sintonia tra la Procura ed i carabinieri su questo caso specifico e su quanto dichiarato da Airoma.

“Il Procuratore Airoma – afferma Bramati – si riferisce giustamente ad un fatto specifico. Noi, nei vari gravi reati in cui siamo intervenuti, omicidi ed estorsioni in particolare, abbiamo invece riscontrato in generale, soprattutto tra la popolazione giovanile, una voglia di collaborare, una voglia di scrollarsi di dosso il peso della criminalità”.

“Questo – sottolinea il comandante provinciale dei carabinieri – è un discorso in termini generali che non si può estendere ad ogni singolo caso. Quello a cui si riferisce il Procuratore è un caso ben specifico nel quale ha evidenziato questo tipo di atteggiamento dei soggetti direttamente coinvolti. L’osservatorio del dottore Airoma è anche il nostro”.