Vertici Irpiniambiente in audizione in Regione Campania

0
9

Napoli – La VII Commissione consiliare permanente, presieduta da Luca Colasanto, ha tenuto un’audizione con i vertici delle società provinciali impegnate per conto delle Province nell’esercizio del servizio di gestione integrata dei rifiuti, Irpinia Ambiente, Sampte, Gisec, Sapna ed Ecoambiente sul tema del Piano regionale dei rifiuti speciali e, in generale, sul sistema dello smaltimento dei rifiuti nei territori di riferimento, in vista della cessazione delle loro attività prevista per fine anno e del trasferimento delle funzioni dalle Province ai Comuni ai sensi della Legge 135 del 2012.
Il Presidente Colasanto ha evidenziato che la gestione dei rifiuti deve svolgersi secondo il modello imprenditoriale e professionale in quanto le incompetenze e gli errori del passato hanno indotto la Campania ad una situazione sempre a rischio emergenza. “Per la priorità dell’argomento – ha dichiarato il consigliere del Pdl – abbiamo dato vita ad una Commissione allargata ai capigruppo con l’obiettivo di contribuire in sinergia a mettere in campo un ciclo virtuoso di smaltimento dei rifiuti. Dati i molteplici problemi che ruotano nell’orbita del sistema rifiuti, tra i quali quello dei Consorzi di Bacino, dei loro lavoratori e delle società provinciali, auspichiamo che giunga al più presto in Commissione il disegno di legge annunciato dall’assessore Romano per aprire un ampio e costruttivo dibattito”.
Nel corso della riunione, i rappresentanti delle società provinciali hanno evidenziato la difficoltà di proseguire le attività fino al 31 dicembre prossimo a causa della carenza di risorse e hanno sottolineato la necessità di dare un seguito al patrimonio di competenze e di esperienze maturato dalle società nell’ottica di un modello gestionale capace di garantire l’efficacia e l’efficienza del sistema, sia per quanto riguarda la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, sia per quanto riguarda la raccolta differenziata e il riciclo per il quale la Comunità Europea impone percentuali elevate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here