Vertenza Novolegno – Piemonte (Feneal): “Attendiamo risposte”

0
4

Avellino – Ancora un nulla di fatto, dopo il nuovo incontro tenutosi ieri sera presso la sede avellinese dell’Unione Industriali sulla vertenza Novolegno. A seguito del vertice del 14 gennaio – laddove l’azienda aveva manifestato la necessità di recuperare circa 2 dei 3 milioni di euro di perdita attraverso svariati tagli al personale, l’assemblea dei lavoratori si è detta fortemente contraria alle soluzioni proposte dal management del gruppo Fantoni (presenti i responsabili del personale Dott.Bratta, l’Ing. Tirri e l’Ing. Russo Russo). “Grande contrarietà sui 18 esuberi e i tagli salariali – dice il segretario della Feneal, Carmine Piemonte – nonostante a causa del precedente accordo siglato ogni lavoratore abbia già rinunciato a circa 1.300 euro pro – capite, in un anno e mezzo. Confermando l’apertura ad ogni tipo di discussione, il sindacato sui 2 aspetti suddetti (esubero del personale e tagli salariali) ribadisce che non c’è alcun margine di trattativa. Nel contempo, si sollecita l’azienda al corretto utilizzo degli ammortizzatori sociali ed alla ricerca di ogni efficace politica economica (fermo restando che rimangono ancora a disposizione almeno 15 settimane di cassa integrazione ordinaria, ancor prima di ricorrere a quella straordinaria: per non parlare di quella in deroga)”. Il tavolo di concertazione interrotto su tali improrogabili questioni non ha stabilito alcuna data di un nuovo incontro, restando però in attesa che il management del gruppo Fantoni dia soddisfacenti risposte in merito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here