Verso le regionali – Le decisioni della Direzione regionale del Pd e gli equilibri della coalizione di centrosinistra

Verso le regionali – Le decisioni della Direzione regionale del Pd e gli equilibri della coalizione di centrosinistra

10 Agosto 2020

Michele De Leo – Le decisioni che saranno assunte dalla direzione regionale del Partito democratico rischiano di provocare un pericoloso effetto domino per la coalizione di centrosinistra. Ecco perché anche il Governatore Vincenzo De Luca guarda con non poca preoccupazione quanto accade in casa democrat. La scelta dei candidati che dovrebbero chiudere le liste del Pd potrebbe, infatti, generare pesanti ripercussioni sulle altre forze – soprattutto civiche – della coalizione e innescare una spirale di scontenti tale da poter provocare scossoni in negativo per la coalizione a sostegno del Presidente uscente. I rappresentanti che non troveranno spazio nelle liste del Partito democratico potrebbero cercare spazio altrove, in uno degli schieramenti civici del centrosinistra. Un’ipotesi, però, che finirebbe per mettere in discussione gli equilibri interni alle varie forze politiche e civiche. Basta guardare a quanto potrebbe accadere in Irpinia: dopo la decisione di assicurare un posto in lista agli uscenti Rosetta d’Amelio e, soprattutto, Maurizio Petracca, uno tra il presidente dell’alto Calore Michelangelo Ciarcia, di area Dem, e il decariano Livio Petitto è destinato a rimanere fuori. Si tratta di due personalità di spicco del partito, con Petitto che – ormai da mesi – è già in campagna elettorale. Ritrovarsi fuori dallo schieramento ufficiale del Partito democratico potrebbe convincere – nella migliore delle ipotesi per la coalizione che sostiene De Luca – l’ex presidente del consiglio comunale di Avellino a cercare una sistemazione altrove. L’approdo di Petitto – ma anche dello stesso Ciarcia – in una lista diversa del centrosinistra potrebbe rimettere in discussione gerarchie già definite, equilibri consolidati e cancellare piccole speranze di pescare il jolly da parte di altri candidati che, a quel punto, finirebbero per rivedere le proprie decisioni. Ecco perché le decisioni che saranno assunte dalla direzione regionale del Partito democratico potrebbero avere ripercussioni su tutta la coalizione di centrosinistra. Ecco perché l’appuntamento è seguito con grande attenzione dal Governatore De Luca e dai suoi fedelissimi, i quali potrebbero intervenire in prima persona per evitare un effetto domino che, cancellando le ambizioni di molti, potrebbe far perdere al centrosinistra quel discreto margine di vantaggio che ancora mantiene – almeno stando a quel che dicono i sondaggi – sugli avversari.