Vd/Piano Strategico, Foti: “Cittadini diano una mano a questa città”

10 Ottobre 2013

Parte il II ciclo d’incontri per definire le linee guida del Piano Strategico del comune di Avellino.
L’Assessore al ramo Paolo Ricci e il primo cittadino Paolo Foti, in conferenza stampa, hanno richiamato l’attenzione sul ruolo strategico che riveste il documento per lo sviluppo e il futuro della città. “Il Piano strategico è la vera sfida del comune di Avellino – dichiara il sindaco -. Su questo documento scommettiamo tutte le risorse materiali e immateriali a nostra disposizione, sapendo che è l’ultima occasione per uscire dalle secche di un’inerzia propositiva. Bisogna proporre, avere idee per guardare con una visione d’insieme alle esigenze di questa provincia”.
Questa seconda fase si apre il 15 ottobre e prevede quattro asset: realizzazione della rete culturale cittadina, valorizzazione delle risorse del territorio, funzionamento efficiente della macchina amministrativa e costruzione dell’area vasta. Al ciclo di incontri prenderanno parte intellettuali ed esperti del settore, ma è invita a partecipare tutta la cittadinanza. “Il percorso che abbiamo messo in piedi – aggiunge Ricci – si snoda su due punti: verità e utilità. Per aver ragionato sempre sul secondo ci siamo dimenticati del primo. Le città si costruiscono sulla propria identità, è inutile aprire progetti scollegati con la storia di un luogo. Per questo serve la partecipazione di tutti, è un’occasione per far sì che la città si animi”.
Il vero motore del Piano Strategico è la costruzione dell’Area Vasta, ultimo asset di questa fase che vuole aprire un confronto con tutti gli enti comunali per creare un comune sentire in cui Avellino si candida ad essere capofila di un processo in cui non vuole dettare tempi e regole, ma mettere a disposizione la sua funzione di capoluogo. “Vogliamo fare da locomotiva ad un processo che speriamo si evangelizzi – chiosa Foti”.
In conclusione il sindaco si appella al senso civico degli avellinesi: “La città di Avellino deve riassumersi la responsabilità di avere una proposta che riguarda un territorio più vasto, accumunato dal declino industriale e dalla possibilità di puntare alla filiera agricola che non riesce ad esprimersi come dovrebbe. Non ci dobbiamo limitare a sentire che i cittadini di Avellino sporcano, devastano, vandalizzano e il Comune deve pulire, aggiustare, sistemare; o che i cittadini di Avellino parcheggiano in modo incivile davanti alle scuole e non solo. Io spero che questa città ritorni ad essere civile come un tempo. Faccio appello al senso civico dei cittadini di Avellino di dare una mano alla nostra città, non al Sindaco o all’amministrazione; di dare una mano a se stessi. Le buone pratiche le deve implementare la buona amministrazione che sia degna di questo nome, però i segnali di una città ordinata li devono realizzare innanzitutto i cittadini”.
“Se c’è sosta selvaggia, se c’è una città sporca – aggiunge Foti – se non si riesce a realizzare la differenziata fino in fondo con chi ce la prendiamo? Poiché so che gli avellinesi e gli irpini in generale sono persone civili, responsabili e di grande qualità e umanità, io faccio appello al loro senso di responsabilità. Questa amministrazione da sola non ce la farà. E lo dico con grande chiarezza. E non ce la farà neanche sul piano strategico se non si riscoprono capacità, responsabilità, coesione sociale, senso di appartenenza. Senso di appartenenza che vuol dire anche non buttare cicche di gomme da masticare o di sigarette per strada, o in una zona a traffico limitato come Corso Vittorio Emanuele che ha realizzato questa amministrazione non transitare come folli con le bici o con le auto”.
“Queste sono sfide che qualcuno vuole lanciare a questa amministrazione – conclude? No! Queste sono sfide che si lanciano alla città di Avellino, agli avellinesi che rispettano le regole o ci provano. C’è un vecchio proverbio arabo che dice “spazza davanti al tuo uscio e tutta la città sarà pulità”. Ebbene cominciamo da questo. È davvero difficile per questa amministrazione, così come per qualsiasi amministrazione, trovare soluzioni se manca la necessaria collaborazione dei cittadini”.

il video


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.