Ugl Polizia:”Carenza di organico, in questo modo difficile lavorare”

0
1

Il Segretario Provinciale dell’Ugl Polizia di Stato Vincenzo Moccia, denuncia che a fronte di una “politica” volta alla totale garanzia della sicurezza, segue invece da parte del Governo una completa disattenzione alla problematica. “Le Forze di Polizia assistono da qualche tempo al mancato risanamento delle piante organiche che, unitamente alla quotidiana emergenza, vede l’operatività molto compromessa. Si assiste, infatti, a giochi di prestigio per coprire i servizi minimi, tra cui anche quelli connessi al controllo del territorio. La situazione sta diventando insostenibile e lo dimostra il fatto che, dei tanti colleghi andati in quiescenza alla fine dell’anno dalla Questura di Avellino, solo poche unità sono arrivate in sostituzione. Se in Questura i servizi ordinari ancora si riescono a garantire, nei Commissariati periferici e in particolare in quello di Ariano Irpino, il più grande dei quattro alle dipendenze della Questura, non si riesce nemmeno a far fronte alle ordinarie esigenze. In questi ultimi anni dal citato Commissariato sono andati in pensione diversi poliziotti, mai rimpiazzati, nonostante la denuncia fatta dal sottoscritto ai vari Questori, che hanno preceduto quello attuale. In questo periodo, si riesce a fronteggiare e coprire parte dei servizi grazie al personale aggregato, il quale funge da tampone momentaneo, in quanto al termine del periodo di aggregazione previsto, deve fare rientro nella sede di provenienza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here