Uccide la moglie: dal carcere ai domiciliari

Uccide la moglie: dal carcere ai domiciliari

7 Maggio 2021

Il gip del tribunale di Avellino ha revocato l’arresto in carcere, disponendo i domiciliari presso strutture assistenziali, per l’85enne del capoluogo irpino che qualche giorno fa ha soffocato la moglie con un cuscino, al termine di una lite. I motivi di quel dissidio li ha raccontati al giudice questa mattina, quando è stato assistito dall’avvocato Mario Di Salvia. 

La mattina dell’omicidio aveva litigato con la moglie, che poi ha iniziato a graffiarlo, dopo aver discusso sulla possibilità di essere trasferiti entrambi in uno ospizio. Ipotesi con la quale lei non era d’accordo. Lui nel tentativo di fermarla avrebbe finito col soffocarla. Quando si è resto conto di quello che aveva fatto è stato preso dalla disperazione ed è andato in dai carabinieri confessando il delitto. Ora sarà trasferito in una struttura specialistica, appena sarà disponibile, per ricevere l’assistenza psicologica necessaria.