Tra parola e immagine: a Rotondi è di scena “Varie Azioni”

Tra parola e immagine: a Rotondi è di scena “Varie Azioni”

26 Agosto 2021

Domani, venerdì 27 agosto, alle 19, si parte con il Festival Vari∃Azioni – tra parola e immagine – l’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale di Rotondi, sindaco Antonio Russo, in collaborazione con la cooperativa Altre Voci e la Samuele Editore e con il patrocinio dell’Accademia Mondiale della Poesia e della Fondazione Morra Greco per l’Arte Contemporanea, che coniuga il linguaggio delle arti visive con quello della poesia.

Al di là dell’inaugurazione delle opere pubbliche degli artisti Perino&Vele, Lello Torchia, Luigi Auriemma e Mario Ciaramella, con cui dialogherà il Direttore Artistico Marco Amore, alle ore 20 si terrà il vernissage della mostra del collagista e poeta visuale belga Luc Fierens, presso la Sala Consiliare del Comune, il quale, a partire dal 1984, ha promosso un dialogo trasnazionale mediante progetti di Mail Art come “Social-Art” e “Cornucopiae” o edizioni come “Postfluxpost”.

Le sue pubblicazioni e le sue opere si trovano in importanti archivi: R&M Sackner Archive, Miami, MoMa Library New York , Rare Bookscoll.University of Buffalo  (USA),  MaRT Trento e Rovereto (Italia),Fondazione Berardelli Brescia  (Italia) ,Verbeke Foundation (B) e  Museo KaNAM  Karuizawa , Giappone. Numerose le sue partecipazioni a esposizioni internazionali (e antologie) di visual poetry fra cui: A Point of view. Visual poetry:the 90’s, An Anthology, D.Bulatov, Kaliningrad  Russia 1998,  “Fluxus Performance Workbook- Ken Friedman (Performance Research) (USA) 2002,  “Visual Poetry” Skira Editore (Milano), “La Mirada Transgresora “ Mexico   e  Artists’Publications, the belgian contribution (W.König) Belgio 2017. Recentemente la Fondazione Berardelli gli ha dedicato una monografia.

Alle ore 21 è prevista l’apertura musicale a cura dei Maestri Arianna Cava, Carlo Bizzarro e Pellegrino Armellino. Chiude la serata la proiezione del documentario ‘Poesia in Carne e Ossa’, di Marco Pavan, una produzione Fabrica Imago Mundi. Nel documentario i tre artisti Giovanni Fontana, Julien Blaine e Sarenco raccontano il loro rapporto con la poesia visiva, dagli inizi degli anni ’60, attraverso sconfinamenti nella poesia sonora e nella performance, sulla colonna sonora di Joe Schievano, mixata da Soundrivemotion, e una regia che sa comprendere il corpo in tutta la sua espressività, con le torsioni, le tensioni, le espressioni del volto e il lampo degli occhi. Seguirà un dibattito con il regista e i protagonisti (per Sarenco, parlerà il presidente dell’omonima fondazione Franco Riccardo, moderato dal Responsabile della Sezione Poesia, l’editore Alessandro Canzian. A seguire performance live di Giovanni Fontana e Julien Blaine.