Teatro 99 Posti, “Casa di Bambola” di Ibsen

11 Ottobre 2013

Otto spettacoli di teatro indipendente e di ricerca, tra grandi autori e sperimentazione e due nuove produzioni; questa la ricetta del Teatro 99 Posti di Torelli di Mercogliano per la Stagione 2013/2014 che inizia sabato 12 e domenica 13 ottobre con un grande classico, “Casa di Bambola”, di Henrik Ibsen con la regia ti Utho Zali per la Compagnia dell’Eclissi di Salerno. Come già lo scorso anno, la Compagnia dell’Eclissi inaugura la Stagione del 99 Posti con un grande classico; in scena ci saranno: Felice Avella, Viola Di Caprio, Marianna Esposito, Ernesto Fava, Roberto Lombardi diretti da Utho Zali. Ancora molto attuale, questo testo si confronta essenzialmente con il tema della condizione femminile all’interno della famiglia, tema sviscerato dal drammaturgo norvegese in un testo scritto nel 1879 che ruota intorno alla figura di Nora che, nei due atti della pièce, acquisisce consapevolezza di sé e riscatta la propria dignità di donna andando via da una casa nella quale il marito la considera, appunto, solo una bambola. “Ciò che Ibsen, nella sua drammaturgia, vuole rappresentare, – spiega la Compagnia dell’Eclissi – sono le contraddizioni e il maschilismo della borghesia ottocentesca. In ruoli ben definiti, per uomo e donna, la società agiata dell’epoca conduce tranquilla la propria esistenza; ci voleva perciò qualcuno che interrompesse l’ingiusta catena delle sicurezze, volute dal perbenismo e nessuna meraviglia se a farlo è una donna. Nora, rompendo sia i vincoli matrimoniali sia quelli materni, concretizza il superamento dell’ipocrisia borghese, liberando di fatto se stessa e la donna in genere dall’etichetta del perbenismo. Ormai la bambola di casa, questa la considerazione che il marito le riservava, ignorando la sua capacità di avergli fatta salva la vita è diventata donna di coraggio e per questo non tornerà più indietro. Ibsen scrive un testo avanzatissimo per l’epoca e non poche grane dovette affrontare sia per la modernità del personaggio che per il finale, tant’è vero che nella versione tedesca dovette cambiarlo, perché l’attrice che interpretava Nora si rifiutava di rappresentare una madre che abbandona i figli”. La Casa di bambola della Compagnia dell’Eclissi è una versione virtuosa di un testo che non conosce tramonto. Sotto la sapiente direzione di Utho Zhali, che ha curato egregiamente la regia e l’adattamento, tutti gli artisti hanno caratterizzato i personaggi in maniera eccellente. In scena, poi, in opposizione al dramma, risaltano colori vivaci, sono i vestiti di Nora per il ballo a cui parteciperà prima di andarsene, metafora della sua vita, ma anche le pareti hanno toni allegri e caldi. I costumi sono di Angela Guerra e Valeria Di Lorenzo. Il commento musicale è affidato alla magica voce di Stacey Kent e alla prodigiosa tromba di Miles Davis, avvolgente e struggente. Il secondo appuntamento della Stagione del Teatro 99 Posti è fissato per il 26 e 27 ottobre con “Terra di mezzo”, di Pasquale Di Gennaro e Anna Coluccino; il 16 e 17 novembre con Elicantropo Teatro porta in scena “La Madre” di Bertolt Brecht con la regia di Carlo Cerciello. Il 14 e 15 dicembre, fuori abbonamento, la prima nazionale di una pièce originale e tutta irpina: “Tunnel” di Franco Festa, regia di Federico Frasca. Riprende la stagione il 18 e 19 gennaio con Factory Compagnia Transadriatica che porta in scena“Cenerentola”, regia di Tonio De Nitto; sesto appuntamento il 15 e 16 febbraio con una nuova drammaturgia scritta e diretta da Paolo Capozzo, si tratta di “Corto circuito”. Torna anche quest’anno il Teatro di Legno che, il 15 e 16 marzo, porta in scena “Non merita lamenti” scritta e diretta da Luigi Imperato e Silvana Pirone; ancora un grande autore per l’ottavo appuntamento, 29 e 30 marzo, si tratta di Harold Pinter portato in scena dalla Compagnia Teatrale L.A.A.V. in uno dei suoi testi di maggior successo “L’Amante”, regia di Licia Amarante; chiude la Stagione “Jenna”, scritto e diretto da Alessandro Fea e portato in scena il 12 e 13 aprile dalla Compagnia Teatrale Sofis. L’accesso agli spettacoli è consentito ai soli soci Teatro 99Posti o Associazioni convenzionate; il sabato si inizia alle 20,30, la domenica alle ore18. Per gli abbonamenti il contributo previsto è di 80 euro, 15 euro per lo spettacolo singolo. Info: www.teatro99posti.com, 328 4143794 o 338 7980720.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.