Stir, Giordano: “Il Pd non faccia giochini con De Luca. Serve un atto, non chiacchiere sui giornali”

0
12

Stamane presso la sala stampa del Municipio di Avellino si è tenuta una conferenza del gruppo consiliare “Si Può” sui temi riguardanti le  politiche ambientali comunali e le  problematiche  legate  all’impianto di trattamento dei rifiuti solidi urbani  biologici dello S.T.I.R. di Pianodardine.

Al tavolo i consiglieri d’opposizione Giancarlo Giordano e Francesca Di Iorio.

Le volontà espresse sulla stampa da una parte del Pd di provare a trovare un’intesa istituzionale che renda superfluo il ricorso al Tar non convincono l’onorevole di Sinistra Italiana che si aspetta degli atti pubblici per risolvere la questione:

“La Regione – afferma Giordano – così come ha prodotto un atto amministrativo che si impegna ad ampliare lo Stir ne produca un secondo in cui questa volontà non è più in campo. E’ un impianto che non è possibile sopportare a Pianodardine, bisogna fare ricorso al Tar e vigileremo affinché sindaco e Amministrazione si attivino in questo senso. Se vanno in porto i tentativi politico-istituzionali per risolvere il problema il ricorso al Tar sarebbe superfluo. Se non accadesse, varrà il volere del Consiglio Comunale”.

“Emergenza creata ad arte? Non esiste alcuna emergenza – continua Giordano – tutti sapevano che le ordinanze avevano delle scadenze, non c’è nessun meteorite. Era programmato tutto, chi ha gestito queste infrastrutture le ha gestite male. C’è chi dice che c’è un clima ostile, che troppi dicono no, io dico che ci sono piuttosto troppe persone incompetenti che dovrebbero dimettersi. A Boccalone (Amministratore unico di IrpiniAmbiente, ndr) chiedo di trovare soluzioni, motivo per cui è pagato, al mio sindaco e all’Amministrazione chiedo di non fare giochini con De Luca e Bonavitacola. Pare che stia ricominciando la storiella che non si può dire sempre no. Questa provincia ha detto troppi sì in passato”.

“Di De Luca non ci si può fidare – conclude Giordano – i rifiuti non sono una partita interna al Pd. Visto che quando si è trattato di trovare un accordo sull’ Ato il Pd si è alleato anche con la destra di D’Ercole, trovassero risoluzione ad un  problema che abbiamo da troppo tempo.”