Stage di jazz ad alta quota, il Parco del Partenio porta a Pietrastornina due grandi della musica

Stage di jazz ad alta quota, il Parco del Partenio porta a Pietrastornina due grandi della musica

19 Settembre 2020

Musica jazz in alta montagna. Stage ad alta quota, al rifugio “Toppo del Monaco” di Pietrastornina, con due artisti di tutto rispetto, ovvero Antonio Onorato e Pasquale Innarella, organizzato dal Parco regionale del Partenio nell’ambito del progetto “Incontri lungo la via Campanina” che ha visto la luce anche grazie alla Regione Campania e Scabec.

Antonio Onorato non ha bisogno di presentazioni particolari, è un artista a tutto tondo. Nel corso della sua carriera ha anche viaggiato molto, in particolare negli Stati Uniti, dove ha tenuto molti concerti, tra cui al Blue Note di New York e ha avuto frequenti contatti con i popoli nativi americani, in Brasile e soprattutto in Africa. Da queste esperienze ha sviluppato composizioni che coniugano il jazz con la word music.

Pasquale Innarella è un irpino doc, ottimo polistrumentista e compositore che si aggira da decenni nei territori del jazz di ricerca. Innarella crede nel valore sociale dell’arte e della musica e non solo a livello teorico; nella sua storia c’è anche, quindi, una pratica d’intervento (come si diceva negli anni ’70), che l’ha portato a creare e dirigere una jazz band formata da bambini e ragazzini de La Rustica e del Quarticciolo, borgate difficili della periferia romana.

Lo stage, che vede anche la collaborazione di “Irpinia Trekking”, è rivolto agli studenti del Conservatorio di Avellino. Musica all’aperto. Il tutto ha avuto inizio ieri pomeriggio, per terminare domani, domenica 20 settembre, con un concerto che si terrà, ovviamente, nel pieno rispetto delle normative anti-covid.

“Coniughiamo arte, musica, cultura e ambiente. E facciamo conoscere ai più giovani i posti meravigliosi di cui l’Irpinia è ricca. Siamo contenti di portare avanti questo progetto”, afferma il presidente dell’ente regionale, Francesco Iovino.