Spaccio di droga in valle Caudina, smantellata rete di pusher

0
556

Spaccio di droga in valle Caudina, smantellata rete di pusher. Un 45enne è finito in carcere, mentre un 31enne ed un 51enne agli arresti domiciliari. Sono accusati di associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Un 26enne è stato sottoposto all’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti.

L’operazione, scattata nelle prime ore di questa mattina, è stata condotta tra San Felice a Cancello, Arienzo e Castel Volturno – a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica – DDA di Napoli – da parte deii Carabinieri della Compagnia di Montesarchio con l’ausilio di unità del Nucleo Carabinieri Cinofili di Sarno.

L’indagine, avviata nel novembre del 2019 e conclusa nel mese di settembre 2020, ha consentito di accertare la operatività di una associazione criminale dedita all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, appartenenti a differenti tipologie (hashish, crack e cocaina) ed operativa in un’area territoriale ricompresa tra le provincie di Benevento, Caserta ed Avellino e, principalmente, nella zona della Valle Caudina (area ricompresa tra i comuni di Montesarchio, Cervinara, Rotondi, Arpaia).

In particolare, le risultanze investigative hanno fatto emergere, in modo chiaro, che le cessioni venivano effettuate seguendo uno schema definito “itinerante” ovvero recandosi il pusher incaricato direttamente presso ciascun acquirente al quale veniva indicato, per l’incontro, un luogo preciso e, di volta in volta, diverso. L’incontro era preceduto da contatti telefonici, di brevissima durata, nel corso dei quali, con un linguaggio criptico e convenzionale, si pattuiva il quantitativo di sostanza oggetto della cessione e si stabiliva il luogo dell’appuntamento.