Soppressione circoscrizioni: i Popolari propongono consulta ad hoc

0
2

Avellino – Primo incontro, questo pomeriggio, tra i consiglieri di Circoscrizione Popolari per l’Unione di Centro, presso la sede del partito, per discutere del dopo-circoscrizioni. In base a quanto previsto dalla Legge Finanziaria 2008, infatti, la città di Avellino, avendo una popolazione inferiore ai 100mila abitanti, dalle prossime elezioni amministrative non potrà più articolare il proprio territorio in Circoscrizioni.
La riunione è stata organizzata dagli stessi consiglieri, che hanno avvertito la necessità di confrontarsi, anche in maniera critica, sulla futura gestione dei quartieri. Dopo aver analizzato le attività svolte fino a oggi dai parlamentini, evidenziando pregi e difetti dell’organo istituzionale, i presenti hanno avanzato le prime proposte organizzative per colmare il vuoto di rappresentanza che si aprirà dal prossimo mese di giugno. Condivisa unanimemente la necessità di garantire a tutti i cittadini la possibilità di avere un punto di riferimento territoriale che faccia da tramite tra le esigenze delle varie aree urbane e l’amministrazione centrale, i consiglieri hanno individuato alcune possibilità per una diversa, nuova e proficua gestione del decentramento, tra cui l’istituzione di una consulta comunale ad hoc o un ritorno ai comitati di quartiere, o, ancora l’assegnazione di una delega “territoriale” a ciascun assessore comunale.
Alla discussione ha preso parte in maniera attiva anche Enza Ambrosone, invitata dai consiglieri in qualità di dirigente del partito e di ex assessore comunale al Decentramento. “Il confronto a più voci su un argomento tanto importante e finora poco considerato dalla politica – ha evidenziato la Ambrosone – sono certa che porterà all’individuazione di una strategia di governo efficiente ed efficace per assicurare la partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa, rafforzando il senso civico e l’identità comunitaria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here