Solofra – Oggi in Consiglio l’incompatibilità dell’azzurro Gagliardi

0
9

Solofra – Potrebbe risultare una sorta di boomerang il 3 bis riguardante “Causa di incompatibilità consigliere Pio Gagliardi prosecuzione procedura iniziata nella seduta consiliare del 12 giugno 2007” , aggiunto dal presidente del Consiglio all’ordine del giorno del Consiglio Comunale di oggi. Secondo voci che corrono con insistenza per la cittadina della concia sarebbero stati notificati atti a ben sei consiglieri di maggioranza trattanti la questione di incompatibilità che potrebbe trasformarsi in ineleggibilità. Nomi al momento non se ne fanno, ma il persistere delle voci fa capire che quello di oggi potrebbe prospettarsi un caldo Consiglio Comunale sia dall’aspetto meteorologico che da quello della discussione. E tutto sembra incentrarsi sulla vicenda delle incompatibilità di alcuni elementi sia della maggioranza che della minoranza. Dunque cresce l’ attesa per l’ assise comunale ammesso che le voci risultassero fondate e non come cubetti di ghiaccio pronti a sciogliersi subito alla temperatura calda di questi giorni. Attraverso una nota il Commissario del coordinamento cittadino di Forza Italia di Solofra, Claudio Rossano, precisa che dopo il primo ed unico consiglio comunale, l’azzurro Gagliardi venne eletto consigliere con sei voti della minoranza e l’astensione dei quattordici esponenti della maggioranza. Il consigliere, per eliminare ogni ipotesi di incompatibilità sul suo conto, decise di dimettersi “da ogni incarico all’interno dell’associazione ‘Rita Gagliardi’, notoriamente filantropica e non a fini di lucro. Non è noto – continua il comunicato – quali determinazioni si vogliano oggi prendere con la prosecuzione della procedura iniziata nella seduta consiliare trascorsa. Non è forse chiaro che con il voto già espresso si è definitivamente chiusa in consiglio la vicenda della presunta incompatibilità di Gagliardi?”. La decisione assunta all’ultimo momento dal presidente del consiglio suscita ulteriori perplessità in Rossano che precisa: “… rimangono aperte molte probabili cause di ineleggibilità ed incompatibilità nei confronti di consiglieri della maggioranza, che potrebbero portare alla decadenza del Consiglio stesso. E su tali fatti a pronunciarsi saranno sedi diverse dal Consiglio comunale. Se in tal modo si volesse tentare di comprimere la voce di opposizione del consigliere Gagliardi, è evidente che il tentativo è fallito già in partenza, anche perché Forza Italia sarà vicina in ogni sede per garantire la libera voce del consigliere”. (di Dante Grimaldi)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here