Sidigas, maledizione overtime: arriva la nona sconfitta in 10 gare

0
1

Porto S. Giorgio – Di nuovo in campo a distanza di tre giorni dalla battaglia di Milano e stessa sorte per la Sidigas Avellino che esce sconfitta (la nona nelle ultime 10 gare) solo all’overtime anche dal PalaSavelli di Porto San Giorgio. Alla fine vince 99-96 la Sutor Montegranaro di Recalcati che mantiene così 2 punti di vantaggio su Pesaro (vincente su Brindisi) nella lotta per non retrocedere. Nonostante l’assenza di Hayes – uscito con la mandibola malconcia dalla sfida contro l’Olimpia e assente al Savelli – la Sidigas Avellino è riuscita a tenere a bada i padroni di casa per 40 minuti prima dell’exploit di Cinciarini (38 punti totali e tre mortifere bombe solo negli ultimi 5’) nel supplementare con l’azzurro che ha spento ogni speranza di vittoria per i biancoverdi. A nulla sono valse le prove di sostanza di Cavaliero (21 punti con 7/10 da tre), Foster (21) e Lakovic (21). Assente ingiustificata la panchina biancoverde (0 punti) con Achara e Goldwire molto sottotono.
I padroni di casa con Cinciarini e Sakic avevano costruito un piccolo vantaggio già nel primo quarto (parziale di 9-0) ma Avellino era rimasta a contatto grazie ad un sempre più concreto Foster (14 punti). Il primo tempo si era chiuso con la Sutor avanti 43-40.

Primo quarto. Coach Vitucci – che deve rinunciare a Hayes, uscito malconcio dalla battaglia contro Milano – manda in campo nei 5 iniziali Lakovic, Cavaliero, Foster, Thomas e Ivanov. Replica la Sutor di Recalcati con Cinciarini, Mazzola, Mitrovic, Campani e Kudlacek. Parte bene la Scandone Avellino che con un sempre più concreto Foster allunga fino al 14-9 al 5’. C’è il rientro, però, dei padroni di casa che nella seconda parte del primo quarto piazzano un break mortifero di 9-0 targato Cinciarini. Nel finale Sakic infila la tripla del +6 per la Sutor ma allo scadere Cavaliero fa impazzire la difesa sutorina centrando la terza tripla del primo quarto. Al primo riposo Montegranaro chiude +3, 23-20.

Secondo quarto. La Scandone prova a rintuzzare la Sutor con Thomas ma è ancora Sakic dall’arco a spingere indietro i biancoverdi. Avellino arriva a -2 dopo la bomba di Lakovic (29-27 al 13’); è timeout per coach Recalcati. E’ Lakovic ancora a metà della frazione a salire in cattedra per i lupi ma la Sutor trova in Sakic la sua bocca di fuoco del pomeriggio con il croato che va a segno da tre. La gara diventa uno shooting contest con l’ex Doum Lauwers che infila la bomba del 37-29 per la Sutor e con Cavaliero che invece trova la sua quarta tripla della serata (37-32 al 18’). Avellino fa girare in maniera ottimale la palla in attacco; Lakovic e Foster indovinano così il tiro pesante (41-40 al 19’). All’intervallo lungo la Scandone Avellino deve rimontare però tre punti (43-40 al 20’).

Terzo quarto. Pronti via ed è Avellino a rientrare in campo più decisa. I lupi, dopo due liberi di Lauwers, piazzano un break mortifero di 10-0, parziale aperto dalla terza tripla della serata di Foster (45-50 al 23’). Recalcati vuole pensarci su e chiama i suoi in panchina per un minuto di sospensione. Bello il duello a distanza tra Cinciarini e Cavaliero con i due azzurri che fanno a gara da tre: per il play triestino della Scandone arriva la quinta bomba della serata. Foster intanto va per il ventello e la Sidigas vola sul +7 (48-55 al 26’). C’è la reazione della Sutor che con Sakic e capitan Cinciarini (tripla) si porta a un solo possesso di svantaggio (54-57 al 28’). Nei secondi finali del penultimo quarto Lakovic fa 2/2 dai liberi e Mazzola trova due punti sulla sirena. Si va all’ultimo riposo con i lupi avanti 61-59.

Quarto quarto. Azione da 2+1 di Kudlacek in apertura di ultimo quarto e la Sutor rimette il naso avanti. Continui capovolgimenti di fronte al Savelli. Mazzola e Sakic allungano a +4 per i padroni di casa (67-63 al 34’). A rimediare per gli irpini è ancora una volta Cavaliero, sempre dall’arco mentre a 5’ dalla fine Thomas segna subendo fallo da Mazzola: Avellino è a +2, 69-67. Neanche il tempo di festeggiare e Sakic centra il canestro da tre e riporta Montegranaro avanti di una lunghezza. La partita si accende, la Sutor non ci sta a lasciare i due punti. Lakovic tiene a galla i suoi con 5 punti consecutivi (74 pari al 37’). Si arriva così agli ultimi 100 secondi. Cinciarini segna e la Sutor passa avanti, Cavaliero piazza la sua settima tripla della serata (79-78 al 28’), la leadership del match cambia altre 5 volte fino all’1/2 di Ivanov per l’83-83, risultato con cui si va all’overtime.

Supplementare. La vittoria di Pesaro su Brindisi obbliga la Sutor al successo. E’ così che un superlativo Cinciarini brucia la retina da tre due volte nel giro due minuti e Montegranaro si porta a +5. Trova punti pesanti per i padroni di casa anche il giovane Giorgio Piunti (con Mazzola e Sakic fuori per cinque falli) mentre 4 liberi riportano gli irpini a -1 (92-91 al 43’). Finale vietato ai deboli di cuore al PalaSavelli, così come accaduto tre giorni fa al Del Mauro contro Milano. Cinciarini, immarcabile, mette a segno la terza bomba del supplementare: Montegranaro vola a +5. Thomas riporta Avellino in un amen a -1 con Thomas che mette in cassaforte un’azione da 2+1. Kudlacek fa 2/2 dai liberi mentre Foster sbaglia l’ultimo tiro da tre. Brinda la Sutor che vince 99-96. Avellino trova la nona sconfitta nelle ultime dieci gare. (@antopirolo)

SUTOR MONTEGRANARO 99–96 SIDIGAS AVELLINO
Sutor Montegranaro: Cinciarini 38, Sakic 20, Tessitore, Rossi n.e., Lauwers 5, Kudlacek 12, Campani 6, Mazzola 12, Mitrovic 3, Piunti 3.
Sidigas Avellino: Thomas 19, Biligha, Lakovic 21, Spinelli n.e., Ivanov 14, Goldwire, Granata n.e., Morgillo n.e.; Cavaliero 21, Achara, Foster 21.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here