FOTO/ Playoff, ruggito Scandone. Inizio scoppiettante dei lupi che demoliscono Pistoia

0
4

Fantasticamente bella la Sidigas Scandone Avellino che esordisce in gara 1 dei play off sfoderando una prestazione di primissimo livello ai danni della malcapitata Giorgio Tesi Group Pistoia.

E’ stato un match mai in discussione, condotto dagli uomini di Sacripanti con grande autorità dal primo all’ultimo minuto concluso col punteggio di 93 a 76 per i lupi. Ottima la prestazione corale di squadra con ben 5 giocatori andati in doppia cifra: Ragland, Green, Cervi, Nunnally ed uno strepitoso Buva autore di 23 punti, la maggior parte dei quali messi a segno nell’ultimo quarto di gara.

Bisognava partire col piede giusto per dare un segnale a Pistoia ma anche a tutte le altre squadre impegnate nella lotta scudetto.

I lupi hanno ancora tanta fame. Appuntamento a lunedì 9 maggio alle ore 20:45, per gara 2 dei quarti di finale, sempre contro Pistoia, sempre tra le mura amiche del Pala Del Mauro.

MATCH: Il gran giorno è arrivato. Le attese son finite, la Sidigas Scandone Avellino fa il suo esordio, tra le mura amiche del Pala Del Mauro, nei play off scudetto 2016 dopo una regular season straordinaria conclusa con un bilancio di 20 vittorie e 10 sconfitte, piazzandosi al terzo posto della classifica.

Di fronte ai lupi biancoverdi, la Giorgio Tesi Group Pistoia di coach Esposito che ha chiuso in crescendo il campionato posizionandosi sesta. In un Pala Del Mauro infuocato, coach Sacripanti schiera Ragland, Nunnally, Acker, Leunen e Cervi e lascia ai box il neo acquisto Tylor Ongwae, tesserato in settimana. Rispondono i biancorossi di Vincenzo Esposito con Moore, Knowles, Blacksheare, Kirk e Antonutti.

Terna arbitrale formata da: Taurino, Filippini, Vicino.

Al pronti via è Pistoia a realizzare i primi punti sfruttando un fallo e canestro con Antonutti. Ma ecco i lupi che entrano ferocemente in partita. E’ di Nunnally il primo canestro biancoverde. Cervi ha un impatto fenomenale sul match: 4 punti di fila e Pistoia che ha polveri bagnate in attacco: 0/5 dal campo: Avellino costruisce il primo parziale di 8-0 che costringe Esposito al primo time out della partita. Non ci sono buone risposte per la squadra ospite, 2 palle perse in attacco e Avellino che continua a incrementare il suo vantaggio con Ragland e Leunen, autori di due triple consecutive. Al 6′ 14-3 per la Sidigas. E’ Kirk ad interrompere il lungo digiuno dei toscani con un gioco spalle a canestro. Avellino rallenta la fluidità del suo gioco che non è più efficace come i primi minuti, la Giorgio Tesi con Lombardi e il solito Kirk si rifà sotto. All’8 18-12 per i lupi e prima girandola di cambi per Sacripanti: escono Acker e Cervi per Buva e Green. Quando il gioco si fa duro ecco Nunnally entrare in partita con una super bomba da 3, a seguirlo Veikalas, con il solito e prezioso marchio di fabbrica. Nell’ultimo minuto del quarto la Scandone piazza una nuova spallata importante al match con Buva e Green. Alla fine del primo parziale siamo sul 28-15 per la squadra di casa.

Inizia il secondo quato con due tiri liberi realizzati da Kirk e due palle perse da ambo i lati del campo con Acker e Blacksheare. Al festival delle triple per la Scandone s’iscrive anche Green. Pini è mandato in campo per tenere sotto controllo Czyz ed è subito protagonista con una preziosa giocata in difesa. Il vantaggio della Sidigas è sempre dalla doppia cifra. A Moore risponde prontamente Buva sotto canestro. Al 13′ Scandone avanti 36-24 grazie ad un maestoso Green, salito in cattedra dopo l’uscita di Ragland. La partita è sempre più maschia, diversi i contatti sotto canestro non fischiati dagli arbitri. Antonutti prova a tenere i suoi in partita ma Green questa sera è in uno stato di grazia, sua la nuova tripla del +12 biancoverde. Al 15′: 41-29. Standing ovation per Green che viene richiamato in panchina per il suo secondo fallo personale ed è prontamente sostituito da Severini. Alla tripla di Nunnally c’è subito la pronta risposta di Moore. Ragland, rientrato in campo, riprende l’opera da dove aveva interrotto. Crescono i punti messi a segno dal play di West Springfield. Pistoia perde rovinosamente due palle in attacco ed è punita da una mortifera Avellino. Al 17′ 48-34 per i lupi e massimo vantaggio. Coach Esposito è costretto ad un nuovo time out. Non è serata per i toscani: Moore sbaglia due tiri liberi che fanno notizia. Severini viene mandato in lunetta per tre liberi ma non fa meglio del suo avversario: 1/3. Knowles e Nunnally sono i protagonisti dell’ultimo spezzone del secondo quarto. Il giovane Amato mandato in campo da Esposito risponde subito presente con un tiro da 3 punti. Cervi, dall’altro lato del campo, puntella il suo scorer personale e mantiene gli avversari a dovuta distanza. Si va all’intervallo con la squadra di Sacripanti che conferma il suo massimo vantaggio raggiunto nel secondo quarto grazie a due tiri liberi messi a segno da Cervi sulla sirena: 55-41 per la Scandone Avellino.

Al ritorno sul parquet è Acker il protagonista assoluto della gara, dopo che è apparso un pò in ombra nei primi due quarti di gioco. Pistoia con il solito Kirk cerca di restare attaccata al match, ma la Sidigas di questa sera è davvero implacabile. Nunnally, da 3, servito magistralmente da Ragland, è una sentenza.Al 25’il punteggio recita: 64-47 per i padroni di casa. Pistoia scompare dal campo, la poca lucidità dei toscani e le numerose distrazioni spianano la strada verso la vittoria ai lupi biancoverdi che con Acker e Ragland fanno salire 21 i punti di differenza tra le due squadre. Al 26′ 69-48 per la Scandone e time out per la Giorgio Tesi. Knowles e Blacksheare provano a scuotere i compagni ma la strada per il recupero dello svantaggio è ardua e difficile.Avellino con Nunnally e Buva non smette di segnare. E’ il pivot croato a dimenarsi sotto canestro rendendosi protagonista di giocate importante per i suoi. Il terzo quarto va in archivio con il punteggio sul 77-56 per la squadra di Sacripanti.

Inizia l’ultimo quarto di gioco con Sacripanti che fa un pò di turn over inserendo sul parquet Pini, Severini e Veikalas e fa rifiatare i grandi protagonisti della gara fino ad ora. Pini e Severini non deludono le aspettative e si danno un gran da fare sia in attacco che in difesa. Mancano 7 minuti ma si possono già trasmettere i titoli di coda. Veikalas dai liberi registra il nuovo massimo vantaggio per i biancoverdi: 83-56. Buva sotto le plance è mostruoso, il Pala Del Mauro è una bolgia. Al 34′ 85-58 per la Sidigas e nuovo time out per Esposito. Le due squadre, chi per un motivo, chi per un altro non vedono l’ora di concludere la gara. Pistoia con Kirk cerca quanto meno di limitare i danni. E’ il solito Buva a realizzare per i biancoverdi, padrone assoluto del pitturato. La partita ormai è in archivio, la Sidigas annienta Pistoia e fa sua gara 1 dei play off col punteggio di 93-76. Appuntamento a lunedì 9 maggio per gara 2 dei quarti di finale play off, sempre al Pala Del Mauro,  per continuare a sognare con questa fantastica Scandone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here