Sicurezza sull’Ofantina, incontro in Prefettura

0
1

Un incontro allargato per affrontare il nodo della sicurezza stradale sui tratti viari a maggiore rischio, a partire dall’Ofantina Bis. Su iniziativa del Prefetto Carlo Sessa si è tenuta la conferenza provinciale permanente alla presenza delle forze dell’ordine, del comandante della Polizia stradale, dei referenti della Provincia di Avellino, dell’Ufficio scolastico provinciale, dell’Anas , dell’Istat regionale, dell’Aci e di alcuni sindaci. Come si legge nella nota stampa a margine dell’evento, l’Anas ha illustrato gli interventi effettuati per migliorare la sicurezza su tale tratto stradale, quali “l’apposizione di barriere, l’installazione di bande ottiche e di segnaletica orizzontale e sulle ulteriori iniziative programmate e già in parte finanziate per promuovere la sicurezza di alcuni viadotti presenti nel territorio irpino”. Per contrastare i comportamenti sbagliati alla guida, invece, il comandante della Stradale ha evidenziato “l’implementazione, in coordinamento con le altre forze dell’ordine, dei servizi di controllo sulle strade predisposti anche attraverso l’apposizione di misuratori di velocità mobili”. Il contributo offerto dall’Istat campano ha invece consentito di analizzare alcuni dati sull’incidentalità stradale inerenti le caratteristiche geo-morfologiche del territorio irpino e le cause degli incidenti, e di programmare un approfondimento più dettagliato sul dato statistico, in modo specifico per l’Ofantina bis, anche al fine di individuare interventi correttivi a tutela degli utenti della strada. In merito alla prevenzione, il Prefetto ha evidenziato “l’importanza della diffusione della cultura della sicurezza stradale, soprattutto presso le giovani generazioni nella consapevolezza che il rispetto delle regole è una condizione indispensabile per tutelare la sicurezza propria e altrui”. Sono stati, quindi, illustrati da parte del presidente dell’associazione “I Meridiani”, organismo no-profit che opera in collaborazione con l’Anas, i progetti rivolti alle scuole basati sull’idea di creare un testo e/o uno spot sul tema della sicurezza stradale e che si concluderanno con la premiazione dell’elaborato che susciterà maggiore interesse tra gli stessi coetanei. Coinvolta anche la scuola, che già presta grande attenzione al tema della sicurezza stradale e che ha espresso “ampia disponibilità” nel promuovere nelle aule interessate l’ avvio dei progetti. Sessa ha concluso la riunione plaudendo “all’impegno delle forze dell’ordine e di tutti gli enti presenti per l’ attenzione costantemente mostrata per migliorare la sicurezza sulle strade e confidando sul buon esito delle iniziative presentate per affermare sempre più la cultura della legalità e il valore della vita umana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here