SìAmo Ariano, ecco i candidati della lista a sostegno di Marcello Luparella

SìAmo Ariano, ecco i candidati della lista a sostegno di Marcello Luparella

27 Agosto 2020

La squadra di SìAmo Ariano si presenta alla città.Una lista nuova di zecca che ha fondato su impegno e passione la scelta di partecipare alle prossime amministrative sostenendo il Patto Civico per Ariano con Marcello Luparella sindaco.«La lista SìAmo Ariano rappresenta la giusta sintesi tra esperienza e novità, tra maturità e freschezza. Una squadra di candidati con un’età media di 40 anni: professionisti, operai, mamme, pensionati, studenti. Persone vere per una lista vera. Tutti i nostri candidati sono entusiasti di dare un piccolo contributo, di mettere al servizio della cittadinanza le proprie esperienze, le proprie competenze,un pezzo della loro vita. I candidati di SìAmo Ariano vogliono lavorare affinché Ariano rinasca dalle ceneri e diventi la città ideale per crescere e vivere. Dunque, cuore e mente per Ariano!», così l’avvocato Luigi Marraffino,coordinatore della lista insieme a Guido Di Paola e a Gabriele Li Pizzi. Perché scegliere SìAmo Ariano? Spiega l’ingegnere Guido Di Paola:«E’ da troppo tempo che assistiamo alla lenta decadenza di Ariano; ci siamo abituati alle macerie dei terremoti, al disordine, al traffico caotico, alla trascuratezza; abbiamo cresciuto i nostri figli in questo contesto.E’ arrivato il momento di dire basta! E’ ora di stimolare un processo di cambiamento e di favorire un percorso di sviluppo per ricostruire il tessuto sociale lacerato, mitigare il fenomeno di emigrazione giovanile, recuperare il ritardo digitale, incentivare un maggior rispetto per la natura e per l’ambiente.Ariano può essere Città accogliente, aperta, civile, solidale e senza barriere. Tale sogno diventerà realtà grazie a questa squadra di candidati liberi, che hannoscelto il più grande impegno civile». Conclude l’ingegnere Gabriele Li Pizzi: «Ariano ha bisogno di persone che abbiano a cuore il futuro della città e siano munite di un bagaglio di competenze e capacità per affrontare e risolvere i problemi. E’ necessario investire le migliori energie per stimolare occupazione, mobilità efficiente, tutela dell’ambiente, buona sanità, spazi di aggregazione e socializzazione. Ho deciso dunque di mettermi a disposizione di questo progetto civico e della lista SìAmo Ariano, perché si tratta di una iniziativa fuori dalle sigle politiche di partiti ormai in fase di liquidazione».

Ecco i candidati

SìAmo Ariano ha organizzato una squadra composta da uomini e donne che rappresentano le diverse categorie sociali della città. C’è il profilo internazionale di una giovane donna, Francesca Di Furia, che a 31 anni, grazie a elevate competenze è riuscita a farsi strada nel mondo. Francesca è laureata in Lingue per l’impresa e ha avuto diverse esperienze lavorative e di studio all’estero.Perché ha scelto di candidarsi? «Vorrei spendere le mie competenze offrendo un contributo concreto ed innovativo per la mia città, in quanto amo Ariano, le sue aree verdi, i suoi vicoli e panorami.Mi piacerebbe rendere Ariano un posto accogliente per tutti, con i comfort e servizi necessari per tutte le fasce d’età. Il mio sogno è quello di poter vedere Ariano sempre VIVA. I progetti da realizzare sono molti, noi ci crediamo perché SiAmo Ariano!».In lista poi, Natalia De Biase, 48 anni, la regina della comunicazione visiva, in grado di trasformare foto, pensieri e colori in emozioni. « Ho scelto di candidarmi per dare il mio contributo alla città nella quale vivo e lavoro da 16 anni occupandomi di comunicazione visiva e promozione territoriale, facendo conoscere le eccellenze dell’Irpinia. Vorrei che Ariano divenisse un riferimento, un modello da prendere ad esempio. Ha una lunga storia, un grande bagaglio culturale e noi dobbiamo valorizzarla».Michela Abbatangelo ha 23 anni ed è laureanda in Economia aziendale. Per la sua prima candidatura ha scelto il Patto Civico e SìAmo Ariano « Perché ho avuto occasione di avvicinarmi a persone con idee innovative e con la voglia di cambiare la situazione disastrosa della nostra città».Il mondo della scuola è ben rappresentato dal professore Francesco Mauriello, per anni docente di matematica, da poco in pensione. « Ho deciso di candidarmi per condividere le migliori esperienze sul campo a vantaggio del territorio arianese e per migliorare, con servizi efficienti, il quotidiano delle persone».C’è chi come Angiola Paone, 43 anni, ha una lunga esperienza professionale a contatto con i bambini e ci sono poi le mamme, con il loro contributo di sensibilità e con lo sguardo sulle problematiche delle famiglie e i suggerimenti per l’attuazione di politiche familiari e rivolte ai più piccoli, come Rosa Cristino, 43 anni,e Carmela Mazzeo, da anni, inoltre, impegnata nel settore della previdenza.Le nuove professioni sono rappresentateda Lorenzo Guardabascio, 31 anni, web desiner senior presso una web agency ed esperto di informatica, che motiva così la sua candidatura: «Ariano merita molto di più di quello che ha e insieme al Patto Civico e alla lista SìAmo Ariano voglio essere parte attiva nel processo di cambiamento».Ancora giovani in lista, con un contributo di freschezza, entusiasmo e sogni da realizzare: è il caso della giovanissima Luigina Costante, neodiplomata con il massimo dei voti, impegnata con il lavoro nell’azienda di famiglia e pronta ad iniziare il suo percorso universitario in Informatica. Luigina potrebbe essere annoverata tra gli ‘eroi della restanza’, ovvero tra quelle persone che scelgono di realizzarsi nella propria terra di origine senza emigrare altrove. Cosa sogna una giovanissima per Ariano?« Il mio sogno da realizzare è quello di poter continuare a vivere, studiare e realizzarmi in questo paese, in questa provincia, dove ognuno di noi ha la sua piccola o grande storia».E poi, ancora Federico Cervinaro, 24 anni, Fabio Corsano di 38 e Giancarlo Pesce, 39 anni, libero professionista.Giancarlo Sicuranza, 49 anni, geometra, dipendente della Sma Campania Spa, società in house della regione Campania, è un volto noto nel mondo dell’associazionismo del Tricolle. Il suo impegno per la città di Ariano, attraverso progetti di successo nel settore degli eventi culturali e dello sport, è noto a tutti. Con grande passione e creatività, ha ideato e portato al successo diverse iniziative e manifestazioni. Da presidente dell’Associazione Sante Spine, negli anni, ha reso la Rievocazione storica del dono delle Sacre Spine un evento di primo piano, conosciuto e apprezzato in tutta Italia, anche grazie all’intuizione di aderire a progetti di rete in ambito nazionale ed europeo, per conferire all’evento uno sguardo più ampio e lungimirante. Nel settore sportivo, grande entusiasmo e partecipazione hanno animato il torneo di Calcio Over 35, campionato sportivo che ben presto è cresciuto a tal punto da proiettare la città di Ariano in un ambito regionale e nazionale nelle competizioni di settore. «Desidero con la mia candidatura offrire un piccolo spiraglio di fiducia a tutte quelle persone deluse dalla politica e che non hanno più voglia di andare a votare. La politica è fatta anche da gente onesta, buona, appassionata, come me. Abbiate il coraggio e la voglia di cambiare. La società ha bisogno di Uomini onesti orientati sempre al bene comune». Giuseppe Grasso ha 50 anni e rappresenta il mondo delle partite Iva, parquettista di professione. «Voglio dare il mio contributo alla causa di questo gruppo: riqualificare la città e creare le basi per nuove prospettive lavorative».Daniele Tiso e Giuseppe Corsano rappresentano solidità ed esperienza per SìAmo Ariano. 38 anni , dipendente del Ministero dell’Interno dal 2004, Daniele Tiso ha già ricoperto la carica di consigliere comunale e crede fermamente un’idea diversa di politica. Giuseppe Corsano, geometra, classe 1965, è un libero professionista, già consigliere comunale dal 2014 al 2019. «Ho accettato questa nuova candidatura non per velleità personale o per imposizione o riconoscenza in virtù di promesse illusorie, ma perché il progetto del Patto Civico per Ariano e della lista SìAmo Ariano è il frutto di un ragionamento intrapreso con questo gruppo di amici sulle problematiche e sulle potenzialità di questo comprensorio».