Si avvicina il derby d’Italia: Inter e Juve pronte a giocarsi tutto

Si avvicina il derby d’Italia: Inter e Juve pronte a giocarsi tutto

27 Settembre 2019

Mancano pochi giorni ormai al tanto atteso derby d’Italia che si disputerà domenica 6 ottobre, ore 20:45, allo stadio San Siro di Milano. Sarà una sfida ricca di spunti per due squadre che si promettono battaglia lungo tutto il campionato per la conquista dello scudetto.

L’Inter di Conte ci arriva con grande entusiasmo e voglia di sorprendere. La squadra ha mostrato di aver assorbito dal suo tecnico ferocia e concretezza in attesa di vedere stabilmente anche una traccia di gioco esteticamente più accattivante. Anche contro la Lazio non tutto è filato liscio, con un’ora di grande sofferenza prima del finale a campo aperto in cui i nerazzurri si sono trovati decisamente più a loro agio.

Fino a questo momento la squadra nerazzurra dimostra di aver superato alcuni limiti del passato e non si butta più via. E’ un pregio delle squadre più forti e in fondo anche la Juventus ha preso punti sbuffando nell’avvio di campionato. Il punto forte è ovviamente la difesa. Conte ha gettato le fondamenta della stagione su un reparto difensivo che non ha eguali al momento in Italia.

Handanovic – 300 presenze con l’Inter – è una garanzia che copre anche le poche sbavature del muro che gli viene costruito davanti: Godin ha personalità ed esperienza da vendere e si sta adattanto al ruolo di esterno destro nella linea a tre, De Vrij e Skriniar si vanno confermando dopo la passata stagione di altissimo livello. Se si ascoltano i consigli per scommettere sulla Serie A di Bottadiculo si può pensare di puntare sulla vittoria dei nerazzurri.

La Juventus, invece, arriva a questa sfida con qualche incognita in più. Soprattutto per quanto riguarda gli infortunati. Secondo le indiscrezioni in arrivo da Vinovo, lo staff medico bianconero vuole cautelarsi dopo il nuovo infortunio muscolare del brasiliano Douglas Costa, che nonostante risponda bene alle cure e faccia progressi potrebbe tornare solo dopo la sosta delle Nazionali.

Anche in difesa ci sono problemi sulle fasce: sia il terzino brasiliano Danilo, sia Mattia De Sciglio, torneranno solo dopo la sosta delle nazionali. Il primo, infortunatosi a Brescia, ha svolto alcuni esami strumentali che hanno confermato una lesione di grado lieve al bicipite femorale della coscia sinistra.

Per De Sciglio, ko contro il Napoli, i test non hanno evidenziato una completa guarigione. Saranno quindi entrambi assenti per le prossime tre partite contro Spal, Bayer Leverkusen e Inter.

Sul fronte tattico, Sarri a Brescia ha cambiato schieramento, sposando il 4-3-1-2 con Ramsey dietro le due punte, Dybala e Higuain. Schieramento che potrà essere riproposto anche quando Ronaldo tornerà tra i titolari, abbandonando momentaneamente il 4-3-3. Il percorso inverso rispetto a quanto fatto a Napoli, quando Sarri varò il 4-3-3 per sfruttare al meglio le caratteristiche della rosa napoletana, inadatta ad un sistema con due punte e un trequartista: tutto fuorché integralismo. Un modulo che sarà riproposto da Sarri, costretto a dirottare Cuadrado nel ruolo di terzino destro.