Serie B – Ecco il Sassuolo: ottobre nero per gli uomini Mandorlini

0
24

E’ un ottobre nero per il Sassuolo. Dopo lo sfavillante inizio di campionato che ha portato i neroverdi emiliani più in alto di tutti, si contano ora tre sconfitte consecutive nelle ultime tre giornate disputate, l’ultima in ordine di tempo pesantissima rimediata in casa contro l’Empoli, nuova capolista della serie B. Sette i gol subiti nelle ultime tre gare disputate dai neroverdi su un totale di undici. Cifre e statistiche da cui è facile dedurre il momento di difficoltà che sta attraversando il Sassuolo. Numeri a parte, si badi bene che la squadra che scenderà domani al Partenio sarà un avversario in cerca del pronto riscatto. Solo quattro anni fa Sassuolo indicava l’area logistica dove risiedevano alcuni meccanici e tecnici del cavallino rampante di Maranello. La squadra militava allora nella vecchia C2 ed al seguito dei neroverdi, al vecchio stadio Ricci, c’erano poco meno di trecento persone. In quattro anni, la favola Sassuolo sta ricalcando un’altra bella pagina del calcio del Belpaese ovvero quella del Chievo. Paragoni a parte, con l’ingresso in prima linea di uno sponsor forte come la Mapei, la compagine emiliana è diventata da squadra satellite a punto di riferimento del calcio modenese. La stagione scorsa, per la compagine del presidente Carlo Rossi, può essere considerata storica: dopo due campionati conclusi con altrettante eliminazioni nei playoff, il Sassuolo ha potuto finalmente brindare al grande salto in serie B. L’uomo che ha forgiato questo gioiello, che ha trascinato la squadra in un cammino esaltante, si chiama Massimiliano Allegri; il trainer che in passato ha indossato le casacche di Perugia,Napoli e Cagliari, non ha potuto resistere alle lusinghe di Cellino, ed è attualmente alla guida dei rossoblù nel prestigioso palcoscenico della Serie A. Al suo posto, il patron Rossi ha puntato su Andrea Mandorlini. Ex scudettato dell’Inter trapattoniana, un tecnico rampante e buon conoscitore della categoria. Nel lavoro di pochi mesi, il tecnico ex Spezia ha tentato in tutti i modi di trasmettere al già rodato organico la sua sagacia tattica. Ed i risultati, ad oggi, gli danno ragione. Mantenuta la buona intelaiatura di squadra dello scorso campionato, i neroverdi emiliani, grazie soprattutto alla maestria del ds neroverde Giovanni Rossi, hanno ingaggiato forse il colpo da ‘prima pagina’ dell’estate in serie B. Parliamo ovviamente di Riccardo Zampagna, bomber epico dal curriculum devastante in cadetteria. Altro elemento di spessore, dotato di grande esperienza e tecnica sopraffina, è l’evergreen Emiliano Salvetti, prelevato dal Cesena. Chiuso dai tanti attaccanti del Mantova, Alessandro Noselli è voluto approdare alla corte di Mandorlini in cerca di riscatto mentre Walter Bressan ha scelto Sassuolo per confermare i grandi livelli raggiunti nello scorso campionato. Filkor, Poli, Della Rocca, Bastrini e Andreolli garantiscono il giusto mix tra esperienza e freschezza atletica. Ma quale sarà il copione che l’ex trainer del Padova seguirà per la delicata sfida del Partenio? Senza dubbio, il centrocampo ben assortito tenterà di imbrigliare le fonti d’attacco dei biancoverdi a disposizione di Campilongo. Zampagna, in grado di agire anche come boa centrale, sarà il riferimento in attacco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here