Scuola – Confermati gli 800 tagli: precari tutti a casa

0
5

Brutte notizie per gli addetti ai lavori del mondo della scuola: confermati i taglio degli 800 posti annunciati in questi giorni. Tra i professori perderanno il lavoro in 450. La restante parte (350) è composta da impiegati amministrativi e bidelli. Il provveditore agli studi Rosa Grana lo ha confermato al termine del vertice che si è tenuto a Napoli con l’Ufficio scolastico regionale. Niente da fare per i precari: sono loro a pagare il prezzo più alto della riforma Gelmini. Per loro niente nomine: dunque rimarranno a casa senza lavoro e senza stipendio. La maggior parte è distribuita tra scuola elementare e media. Salvi, invece, i docenti in soprannumero: grazie ad una certosina operazioni di tagli e cuci, ognuno di loro rimarrà nella stessa sede dell’anno scorso. Si tratta – in tutto – poco più di 200 insegnanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here