Sangue, in aumento i donatori tra i 18 e i 25 anni

Sangue, in aumento i donatori tra i 18 e i 25 anni

14 Giugno 2020

Ogni anno il 14 giugno i Paesi nel mondo, su impulso dell’Oms, celebrano il World Blood Donor Day. L’evento serve a ringraziare i donatori volontari e non remunerati per il loro “dono salvavita”, e per far crescere la consapevolezza della necessità di donazioni di sangue regolari per assicurare la qualità, la sicurezza e la disponibilità del sangue e dei prodotti derivati per i pazienti che ne hanno bisogno. Quest’anno in occasione della giornata il Centro nazionale sangue (Cns) ha organizzato una campagna realizzata appositamente per i social network.

Le cifre 2019

I donatori di sangue sono stati 1.683.470, stabili rispetto al 2018. I nuovi donatori sono poco più di 362mila, in calo del 2,3%. Il 92% del totale è rappresentato da donatori iscritti alle associazioni di volontari. Le donne sono 538.386 (il 32%). I donatori tra i 18 e i 25 anni sono 213.422 (+1,6%) un aumento che inverte una tendenza al ribasso che durava dal 2013.

Obiettivi

Il Centro nazionale sangue ha scelto per l’anno 2020 da un lato di ringraziare il donatore di sangue per il suo contributo alla comunità, un contributo che non è venuto meno neanche durante l’emergenza causata dalla diffusione pandemica del Covid-19 e che al contrario ha avvicinato tante persone alla cultura del dono. Dall’altro ha deciso di accodarsi alla campagna mondiale dell’Oms che ha scelto come tema Safe blood saves lives e come slogan Give blood and make the world a healthier place, uno slogan che punta sulla doppia importanza della donazione di sangue, un gesto destinato a salvare la vita degli altri ma anche, grazie agli esami medici a cui sono sottoposti i donatori, un modo per tenere sotto controllo la propria salute.

Lo slogan scelto per la campagna in Italia è quindi “In ogni goccia c’è una storia. La nostra”, che vuole sottolineare come dietro un piccolo gesto ci sia in realtà qualcosa di grande. L’headline “Lo fai per la comunità. Lo fai per te stesso” è un richiamo allo slogan adottato dall’Oms per la campagna globale.

La campagna è dedicata alla platea di persone che, sensibilizzata al tema solidaristico dall’emergenza sanitaria che il nostro paese ha dovuto affrontare, ha deciso di dare un proprio contributo nei mesi precedenti avvicinandosi alla cultura del dono, per fare in modo che il loro non resti un gesto isolato e legato unicamente alla situazione contingente.