Salza Irpina inaugurata la mostra sul martirio di San Sebastiano

0
970

Alla presenza del Parroco Don Antonio De Feo, del Sindaco Dott Luigi Cella, del Presidente dell’Associazione Socio Culturale Prof. Pompeo Perretta, degli amministratori locali tra cui il Consigliere Comunale Alessandro Bonito delegato alle politiche giovanili e di un nutrito gruppo di devoti a San Sebastiano, si è inaugurata presso l’antica Chiesa di San Sebastiano la mostra che ritrae il martirio di San Sebastiano.

“A Salza Irpina – precisa il Presidente e promotore della mostra Pompeo Perretta – abbiamo esposto 39 opere di artisti del periodo rinascimentale e tardo settecento tra cui Il Giudizio Universale tratto dall’opera di Michelangelo, Anonimo Caravaggesco, San Sebastiano curato dalla vedova Irene XVI sec. Statua San Sebastiano, particolare Chiesa di Fresnay-en in Francia, opere di Pietro Paolini, Filippo Vitale, Pietro Perugino, Bernini e Reni presso raffigurazione Musei Capitolini ed altri importanti artisti”.

Presente alla cerimonia il Comandante della Polizia Municipale che ha ricordato il proprio protettore, il Papa Pio XII nel 1957 il 260° pontefice emetteva il decreto papale per nominare San Sebastiano patrono della Polizia Municipale in Italia.

Rivolgendosi al sindaco di Salza Irpina, Perretta ha precisato come il primo cittadino ha ereditato una grande responsabilità, quella di recuperare l’antica tradizione e devozione mediante il restauro della Chiesa per riaprirla al pubblico in un tempietto situato all’ingresso del paese dove il nonno del Sindaco Sig. Luigi Cella è stato l’ultimo Priore dell’antica Congrega di San Sebastiano.

La mostra è aperta al pubblico dal 3 al 13 Dicembre 2022 con una celebrazione eucaristica in programma presso la Chiesa dell’Immacolata Concezione in collaborazione con la Congrega presieduta dal Priore Antonio Mordenti a cui seguirà un breve filmato a cura dell’organizzazione e Associazione Nuove Proposte rappresentata dall’Ins Sabatino Maria Antonietta impegnata nella promozione e divulgazione del progetto e del coordinamento territoriale che vede coinvolti anche le comunità di Sant’Arcangelo Trimonte (BN), di Solofra e Aiello del Sabato dove è diffuso il culto del Santo.

Il progetto è stato approvato dalla Giunta Regionale della Campania ed è stato presentato alla Borsa del Turismo Archeologico a Paestum dal 27 al 30 Ottobre 2022. La Chiesa di Salza Irpina risalente al XVI sec è custode di una antica Statua di San Sebastiano un tempo esposta per la processione in onore del Santo nonchè depositaria di cento reliquie una testimonianza unica collegata mediante allarme per la sicurezza e protezione. Una bellissima iniziativa accolta con entusiasmo dalla comunità, dall’amministrazione comunale guidata dal Dott.Cella. Il parroco intervenuto alla cerimonia di apertura ha letto una preghiera a San Sebastiano che da sempre invocato contro la peste mentre il Sindaco non ha fatto mancare in Chiesa il ringraziamento pubblico agli organizzatori.