Salta sopralluogo al Tunnel, l’ira di Preziosi: “Vogliono nasconderci che è allagato, avevo fittato un canotto…”

Salta sopralluogo al Tunnel, l’ira di Preziosi: “Vogliono nasconderci che è allagato, avevo fittato un canotto…”

6 Dicembre 2019

Alfredo Picariello – Un’opera infinita che continua a provocare polemiche infinite. L’ennesima è andata in scena questa mattina. La Commissione Lavori Pubblici, presieduta da Gerardo Melillo, tra gli altri, aveva previsto un sopralluogo anche al tunnel. Ma una volta terminato quello al Campo Coni, i consiglieri comunali di maggioranza, d’accordo anche l’assessore Antonio Genovese, hanno deciso di rinviare il sopralluogo in piazza Libertà.

“L’impresa sta lavorando (ma noi abbiamo constatato che i cancelli, oggi, erano chiusi, ndr), si tratta di un cantiere, entrarvi senza i dispositivi di sicurezza e di protezione avrebbe creato problemi all’impresa”. Lo afferma l’assessore Genovese che, però, ammette: “Forse prima di organizzare il sopralluogo, si poteva pensare che poteva esserci quest’inconveniente. Ma credo che se il Presidente lo riconvocherà, non ci dovrebbero essere problemi”.

Il tunnel di Avellino

La “versione” dell’amministrazione, però, non convince Dino Preziosi, consigliere comunale di opposizione e componente della Commissione. “Iniziamo con il dire – sottolinea – che qui ognuno decide di far vedere lavori che sono stati programmati e fatti da altri. Penso al centro per l’autismo, penso al Campo Coni, lavori fatti grazie alle Universiadi. Credo che questo malcostume debba finire. Detto questo, sono convinto che stamane si sia trovata una scusa, forse non volevano farci entrare nel tunnel. La parte politica sarebbe potuta entrare tranquillamente”.

“Avevo prenotato un canotto – scherza il capogruppo de “La Svolta” – . Secondo notizie che mi sono giunte, il tunnel si è allagato, perciò ero ricorso ai ripari. A parte la battuta, se fosse così, ritengo sia una cosa molto grave. Significa che non ci sono pompe di sollevamento dell’acqua che partono da sopra. Questo si aggiungerebbe al fatto che il tunnel, in origine, doveva essere a doppia corsia ed invece oggi ce lo ritroviamo a corsia unica; al fatto che ancora non sappiamo se i pullman a due piani possono entrare, al datto che bisogna riaprire la scala di piazza Libertà per le vie di fuga, al fatto, ancora, che non sappiamo se c’è o meno lo sfogo dei fumi”.

Insomma, per l’avvocato Preziosi il sopralluogo di oggi sarebbe stato importante. “Ci sono ancora parecchie cose da capire. Per me sarebbe stato determinante effettuare il sopralluogo. E’ dal 2009 che l’assessore Genovese, con la giunta Galasso, dice che il tunnel viene aperto a dicembre. Ma a dicembre di quale anno? Oggi, ad esempio, nemmeno i consiglieri sono usciti ad entrare, pensate un po’. Ma credo che la cosa più importante sia quella di capire la funzionalità del progetto. Il titolo dell’opera recita ancora Europa Piu sottopasso di accesso al parcheggio di piazza Libertà. Per me, è stato un grande errore non realizzare il parcheggio interrato”.

“Per fine anno i lavori del tunnel non saranno ultimati”. L’assessore Genovese, dal canto suo, è categorico e quindi fa sapere che il termine stabilito dal sindaco, non potrà essere rispettato. “Noi ce la stiamo mettendo tutta, mi auguro con tutto il cuore di vedere ultimata l’opera in primavera. In effetti non ci sono molti lavori da effettuare ancora”.