Rifiuti – Torna l’emergenza, avanza l’ipotesi termovalorizzatore

0
8

Irpinia – Un’emergenza divenuta ormai cronica. Paradossalmente l’Irpinia sembra essersi abituata ai cumuli di rifiuti ed insieme ad essi alla continua e storica lotta tra ‘bene e male’. Ammesso e non concesso che si possa parlare di soluzioni obiettivamente ottimali, è pur vero che le proposte e… le proteste viaggiano di pari passo, concedendo ben poca possibilità di soluzione. Domani, tanto per cominciare, tra consensi e dissensi sarà consegnato a Bruxelles il rapporto per far uscire la Campania dall’emergenza mentre ad Ariano Irpino si riunirà la giunta e i capigruppo di maggioranza per fare il punto della situazione sulla nuova ondata e sollecitare il Commissariato ad una soluzione. Soprattutto per fronteggiare la pericolosità delle alte temperature. E ad oggi, mentre il pattume abita indisturbato – ancora una volta! – le strade di tutta la provincia, il dilemma è: termovalorizzatore o ‘non’ termovalorizzatore?… Non c’è senz’altro tempo per attendere ‘la sentenza dei posteri’ e l’Irpinia chiama a rapporto istituzioni e associazioni per quella serie di battaglie cominciate da 13 anni a questa parte senza sfociare mai in una guerra risolutiva. Le parti in causa dicono la loro e tra verità, intere e mezze, la chiarezza non sembra essere l’elemento inconfutabile della questione. Fatto sta che il caso termovalorizzatore divide ancora l’Irpinia tra il coro di ‘no’ e quello opposto.
Da un lato si sostiene la tesi secondo cui un impianto di termovalorizzazione in ogni capoluogo di provincia permetterebbe di chiudere il ciclo integrato dei rifiuti. Non solo. Sarebbe utile per la produzione alternativa di energia elettrica e ridurrebbe i cisti fissi in materia. Questo il principio alla base del progetto dell’Asi, che prevede per la realizzazione della struttura di Pianodardine un investimento di 200 milioni di euro. da sfruttare ci sarebbe un’area adiacente al Cdr in maniera tale da creare un vero e proprio impianto ‘completo’ per lo smaltimento dei rifiuti industriali. Tesi positivamente sostenuta, peraltro, anche dal direttore dell’Arpac Cosimo Barbato che sventa ogni dubbio sostenendo la non inquinabilità degli impianti di nuova generazione. Ma il piano è molto più ampio di quanto sembri. L’Asi, infatti, contestualmente alla termovalorizzazione sostiene la necessità di una gestione più organica della materia partendo dalla riorganizzazione del Cdr.
Un piano anti emergenza davvero poco gradito alla Valle del Sabato dove il coro di dissenso minaccia di trasformarsi in vera protesta nel caso in cui dalla semplice progettazione si dovesse effettivamente passare alla fase esecutiva. I sindaci si avvalgono, per difendere i propri centri, della ‘teoria del rischio’ dovuta all’alto tasso di inquinamento già presente a causa della zona industriale. Insomma, sul bruciato… l’acqua bollente.

Il punto di vista di Franco D’Ercole
La questione del termovalorizzatore in Irpinia merita secondo il capogruppo regionale di An Franco D’Ercole degli approfondimenti. Ciò che desta sconcerto “è la posizione assunta dall’Asi di Avellino che presenta un progetto, senza avere alcuna competenza. Non entro nel merito della proposta del presidente Foglia, ma contesto l’interferenza e l’invasione di campo. Peraltro è doveroso ricordare che l’Asi non può avere un suo progetto e che bisogna fare gare pubbliche per scegliere l’iniziativa industriale già adeguata sotto il profilo tecnico ed economico. Esistono, comunque, enti ed istituzioni, chiamati ad occuparsi di questa vicenda che hanno specifiche competenze nel settore. In primis l’amministrazione provinciale. Si rischiano confusioni e sovrapposizioni in un ambito che è già difficile e delicato e dove le inefficienze e le responsabilità sono insostenibile. Credo che non bisogna creare ulteriori disordini amministrativi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here