Rifiuti – Buonomo: perdita di fiducia peggiore della emergenza

0
9

La perdita di fiducia nelle istituzioni è addirittura più grave della emergenza rifiuti, perché da questa riusciremo ad uscire, ma sarà difficile recuperare la fiducia delle persone. Il commissario Gianni De Gennaro è in perfetta buona fede, ma quando chiede fiducia a chi si vuole rivolgere? In questo panorama di desolazione con il governo che si impegna e non mantiene e la Regione allo stremo, l’opinione pubblica in chi dovrebbe credere? In effetti è rimasta soltanto la figura del Capo dello Stato, che aveva assicurato che le discariche non sarebbero state più riaperte e spero che quella parola data non venga tradita. Lo afferma Michele Buonomo, presidente regionale di Legambiente, che esprime desolazione per quanto sta accadendo in Campania nel settore dei rifiuti. “Si stanno creando danni irreparabili per l’ambiente, l’immagine e l’economia campani – sottolinea – sarebbe stato preferibile trasferire i rifiuti con i camion o con i treni, anziché riaprire le vecchie discariche. Certo, anche i cittadini hanno le loro responsabilità, ma il non decidere ha creato questo disastro, che non è più soltanto campano perché coinvolge il paese e rischia di incrinare l’immagine dell’Italia nel mondo. Da anni stiamo lavorando per far crescere i nostri punti di forza, cercando di legare la bellezza nei nostri luoghi con i nostro prodotti tipici e non vorrei che risultasse tutto inutile, semplicemente perché lo Stato non ha fatto quello che avrebbe dovuto fare. Penso alla bella manifestazione, Castelli di Pace, organizzata in Irpinia ed alle numerose iniziative promosse sul territorio, che risultano purtroppo vane. Potrei dire che Legambiente da 20 anni si è assunta la responsabilità di sollecitare le istituzioni ad intervenire con efficacia per affrontare il problema dei rifiuti, ma non credo che oggi sarebbe utile rinfrescare la memoria. Spero che da questa terribile fase si esca quanto prima e nel modo migliore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here