Renzi dice no ad un Governo M5S-Pd. Di Maio: “Solo ego smisurato, si torni al voto”

0
14

Se c’era una minima speranza in questa possibile coalizione M5S-Pd per la formazione di un Governo, è sfumata proprio ieri sera.

In una lunga intervista l’ex premier Matteo Renzi nello studio di ‘Che tempo che fa ribadisce il no secco ad un’alleanza con il Movimento.

“Siamo seri – ha esordito così –  chi ha perso le elezioni non può andare al governo. Non può passare il messaggio che il 4 marzo è stato uno scherzo. Sette italiani su dieci hanno votato per Salvini e Di Maio, lo facciano loro il governo se sono capaci. Noi non possiamo con un gioco di palazzo rientrare dalla finestra dopo essere usciti dalla porta, ma c’è la disponibilità a scrivere ‘le regole’ elettorali e costituzionali per rendere stabile il Paese”.

Poi lancia la stoccata: “Vediamo se hanno cambiato idea su vaccini Tav, Ilva, reddito di cittadinanza. Io non voglio dare soldi alla gente per non lavorare, loro spieghino a chi li ha votati perché non si può fare, non nascondendosi dietro la foglia di fico dell’accordo col Pd. Non possiamo fare il socio di minoranza di Casaleggio”.

La replica di Di Maio

Non è mancata in serata la replica di Luigi Di Maio, fortemente deluso: “Il Pd non riesce a liberarsi di Renzi col suo ego smisurato. Il Pd ha detto no ai temi per i cittadini e la pagheranno. Allora  – conclude – se la decisione è questa torniamo a voto subito, anche a giugno”