Regione – Obiettivi per risanare il bilancio: crescono Irap e Irpef

22 Dicembre 2005

Bilancio preventivo 2006 e bilancio pluriennale 2006-2008, entrambi indirizzati a risanare il debito della sanità nel giro di tre anni. E’ quanto approvato nella prima mattinata di oggi.
Si tratta di un obiettivo che potrà essere raggiunto attraverso l’aumento delle addizionali delle aliquote Irpef ed Irap e la riduzione della spesa corrente del 11%, percentuale destinata agli investimenti, dall’altra l’istituzione della Soresa, società spa che pianificherà il rientro del deficit della sanità. Per quanto riguarda le addizionali Irpef ed Irap: a partire dal periodo di imposta in corso al primo gennaio 2006, l’aliquota dell’addizionale all’imposta sul reddito delle persone fisiche prevede che sia sia fissata nelle seguenti percentuali applicate per scaglioni di reddito: 1,1% per i redditi fino ad euro 12.500, 1,2% per i redditi da euro 12.501 ad euro 15.000, 1,4% per i redditi oltre euro 15.000. Vengono esentati i redditi inferiori o pari ai 15.000 euro derivanti esclusivamente da pensione ed eventualmente da reddito dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e sue pertinenze sono assoggettati all’aliquota dello 0,9%. Per quanto concerne l’Irap, la manovra prevede un incremento dell’aliquota di 0,30%, giungendo al 4,55%, con l’esenzione delle imprese e dei lavoratori autonomi che diano il via all’incremento del numero dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato nella misura di almeno il 40. Un’esenzione che si applica anche alle nuove imprese costituitesi in qualsiasi forma giuridica nel corso degli anni 2006 e 2007 limitatamente ai primi tre periodi di imposta. In più è stata costituita la società regionale per la sanità, la Soresa per definire il pagamento dei debiti maturati dalle Asl e dalle Ao fino al 31 dicembre 2005.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.