Regione – Contrasto alle dipendenze: approvata la delibera

18 Novembre 2005

La Giunta Regionale della Campania, su proposta dell’Assessora alle Politiche Sociali Rosa D’Amelio, ha approvato la Delibera di Giunta Regionale n. 1429 del 26.10.2005, con la quale sono stati definiti gli “Indirizzi programmatici, criteri e modalità di accesso agli interventi finanziabili con le risorse del Fondo Nazionale delle Politiche Sociali, per la quota parte riservata alle iniziative a titolarità regionale per l’area lotta alla droga 3^ annualità Legge 328/2000”. Sul prossimo Burc di lunedì 21 novembre sarà pubblicato l’avviso per la presentazione dei progetti innovativi e sperimentali di contrasto alle dipendenze da parte delle Associazioni Temporanee di Scopo (ATS), costituite dai soggetti pubblici e del privato sociale, in sinergia con le risorse delle comunità locali. Al fine di favorire una maggiore partecipazione dei soggetti interessati l’Assessorato alle Politiche Sociali, in collaborazione con l’Assessorato alla Sanità e con la “Commissione Multidisciplinare di Studio e Programmazione in materia di lotta alla droga”, ha promosso la “Giornata regionale di diffusione del Primo Avviso pubblico per la presentazione dei progetti innovativi e sperimentali di contrasto alle dipendenze – Fondo Nazionale Politiche Sociali – Area lotta alla droga – 3^ annualità Legge 328/2000”, che si terrà a Napoli, martedì 22 novembre 2005 alle ore 10,30 presso la Sala Convegni di Palazzo Armieri, via Nuova Marina n. 19/C. Intervengono alla manifestazione l’Assessora Rosa D’Amelio, Angelo Montemarano Assessore alla Sanità, Maria Grazia Falciatore Coordinatrice Area Assistenza Sociale e Antonio Gambacorta Coordinatore Area Assistenza Sanitaria. Il titolo della Giornata regionale è “L’integrazione pubblico-privato nelle politiche e strategie regionali di contrasto alle dipendenze”, perché riassume i contenuti che hanno ispirato l’attuazione della Legge 328/2000 in Campania nel primo triennio di avvio e realizzazione del nuovo sistema di welfare regionale: welfare locale come sistema integrato di interventi e servizi sociali e socio-sanitari, valorizzazione di competenze, risorse che abitano il territorio, nell’ottica di favorire l’ottimizzazione delle risorse, la condivisione di obiettivi ed azioni comuni, il rispetto della pari dignità nella co-decisione, co-progettazione e co-gestione tra soggetti pubblici e del privato sociale, a vantaggio di percorsi di inclusione sociale rivolti alle fasce più deboli della popolazione.
I progetti dovranno essere presentati improrogabilmente entro il 5 gennaio 2006.
“La persona utente con i suoi problemi, i suoi bisogni, la sua sofferenza, le sue risorse, deve essere posta al centro di ogni azione integrata da programmare e attivare sui territori – dichiara l’Assessora Rosa D’Amelio che aggiunge – ogni strategia di intervento e di recupero, deve ispirarsi al pieno rispetto del diritto dell’autodeterminazione delle persone in difficoltà e al superamento del semplicistico approccio di controllo sociale”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.