Regge il cdr di Pianodardine. De Gennaro: nessuna criticità

0
3

Avellino – Regge per ora il piano di Gianni De Gennaro relativo alla provincia di Avellino. Il commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania ha confermato che l’impianto Cdr di Pianodardine è in grado di contribuire a tenere la situazione sotto controllo, rispetto alla criticità registrata nelle province di Napoli e di Caserta. Buono anche l’andamento della raccolta in provincia di Benevento grazie alla funzionalità dell’impianto di Casalduni. Nelle prossime ore nel napoletano dovrebbero essere raccolte 4.200 tonnellate di rifiuti, mentre la ripresa a regime dell’impianto cdr di Battipaglia consentirà di recuperare almeno mille tonnellate di spazzatura. Ad Avellino città, la raccolta sembra essersi nuovamente fermata per l’assenza di siti destinati allo stoccaggio delle ecoballe: ne vengono prodotte trecento al giorno, ma le soluzioni tampone utilizzate fino ad oggi non sembrano essere in grado di affrontare la nuova fase di emergenza, legata all’assenza della discarica. Per la provincia irpina, infatti, la situazione non si sblocca: la riapertura di Difesa Grande è stata sospesa, mentre per la prevista realizzazione dell’impianto nel comune di Savignano Irpino i tempi sembrano meno rapidi del previsto. Ad Ariano Irpino potrebbero giungere un migliaio di ecoballe, ma su Difesa Grande l’amministrazione comunale è ferma sul no.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here