Raccordo AV-SA, incontro in Prefettura con il Comitato Operativo per la Viabilità

0
533

Si è riunito questa mattina presso la Prefettura di Avellino il Comitato Operativo per la Viabilità al fine di esaminare tutti gli eventuali profili di interesse connessi alla viabilità lungo il Raccordo Avellino- Salerno, in considerazione dei lavori in corso all’interno della galleria Montepergola e degli altri cantieri attivi, che richiedono un costante sforzo di tutte le componenti interessate per garantire la maggiore sicurezza possibile evitando disagi all’utenza, anche in vista dell’incremento dei flussi di transito previsti per la settimana a cavallo delle Festività pasquali.

Recentemente la Galleria, ove attualmente a causa di un cantiere fisso è attiva una sola canna in entrambi i sensi di marcia, è stata interessata da una caduta di calcinacci cui è seguita una temporanea chiusura del traffico, le cui ripercussioni sulla viabilità alternativa provinciale sono state tempestivamente coordinate dalla Prefettura e gestite nell’ambito del C.O.V. con il contributo di tutti gli attori interessati (Provincia, Comuni, ANAS, Polizia Stradale, Arma dei Carabinieri e Polizie Locali).

Rispetto al tema della sicurezza Anas ha assicurato di essere intervenuta nell’immediatezza per rimuovere situazioni di rischio e di aver già avviato un’attività ispettiva puntuale lungo tutta la Galleria, nelle more dell’ultimazione dei lavori della nuova canna, rispetto ai quali il C.O.V. ha condiviso la necessità di porre in essere ogni utile iniziativa finalizzata ad accelerarne il completamento.

La riunione è poi proseguita con un approfondimento delle criticità che interessano la SS 90 delle Puglie, arteria fondamentale che collega la nostra provincia a quella di Foggia, interessata da volumi di traffico rilevanti, anche a seguito della recente frana all’interno della Galleria ferroviaria Ariano lungo la tratta Napoli-Bari, che ha determinato l’interruzione della circolazione ferroviaria con conseguente incremento di quella sulle arterie viarie.

Al riguardo, la Prefettura ha assicurato la più ampia collaborazione alle Amministrazioni locali nella gestione di eventuali particolari criticità che dovessero richiedere anche un supporto delle Forze dell’Ordine e delle altre componenti del C.O.V..

Nell’occasione è stato affrontato altresì il tema del trasporto eccezionale di pale eoliche lungo il tratto in parola e al riguardo Anas si è impegnata, su impulso della Prefettura, ad effettuare una riflessione rispetto all’opportunità, segnalata anche dalle Amministrazioni locali, di impartire prescrizioni in termini di fasce orarie consentite per tali tipi di trasporto.

Anche con riguardo all’avvio di nuovi cantieri per lavori sulla tratta di interesse, a seguito di un approfondimenti tecnici da parte di Anas, verranno condivisi al tavolo della Prefettura tempi e modalità in grado di contemperare tutti gli interessi in gioco.

La riunione del C.O.V., che si conferma quale organismo di fondamentale importanza nell’ambito del quale ogni decisione assunta rappresenta il risultato della grande sinergia interistituzionale che caratterizza questo territorio provinciale, si è conclusa poi con un focus sulle misure da mettere in campo su tutte le arterie principali che attraversano questa provincia – compresa la tratta autostradale dell’A16 – in occasione dell’esodo per le Festività pasquali, durante le quali è previsto un aumento del traffico da giovedì 28 marzo a martedì 2 aprile.

A tal riguardo, gli Enti proprietari delle strade – invitati in tal senso della Prefettura – provvederanno a rimuovere i cantieri di lavoro temporanei e ad adottare ogni misura necessaria per minimizzare l’impatto sulla circolazione di quelli inamovibili. Parimenti, tutte le altre componenti, ed in particolare Polizia Stradale ed Arma dei Carabinieri, metteranno in campo ogni sforzo utile per garantire nelle giornate maggiormente interessate dagli spostamenti una vigilanza sull’intera viabilità autostradale ed extraurbana principale, intensificando la propria attività sia per garantire la massima fluidità del traffico che per un rapido intervento di ripristino delle condizioni di viabilità in caso di sinistro o di altre criticità per la circolazione.