Quindici, il sindaco Rubinaccio: “Non ho paura, andrò avanti”

0
8

“Non ho paura, andrò avanti”. E’ ferma e decisa la reazione del primo cittadino di Quindici, Eduardo Rubinaccio, dopo l’episodio intimidatorio che l’ha visto coinvolto suo malgrado.

Diversi colpi di pistola, almeno tre, sarebbero stati esplosi contro la sua abitazione quindicese in via Casa Amelia.

Rubinaccio prova a spiegare l’accaduto: “Quando vai a toccare tasti particolare legati alla legalità e a vecchie consuetudini, ci si può aspettare che accadano cose del genere – dice la fascia tricolore, da tre mesi alla guida del Comune quindicese – Abbiamo trovato un Comune disastrato, con un buco di oltre 4 milioni di euro. Da qui la decisione di dichiarare lo stato di dissesto finanziario. Un atto che, se accolto da Ministero e Corte dei Conti, porterà numerose conseguenze in paese, a partire dall’abolizione di tutte quelle consuetudini particolari alle quali da tempo sono stati abituati alcuni cittadini”.

E’ stato lo stesso sindaco a rendersi conto per primo di quanto avvenuto ieri pomeriggio. Di qui la denuncia alle forze dell’ordine.

Nessuno avrebbe visto o sentito alcunché.

Rubinaccio, infine, non ha escluso un collegamento tra l’azione intimidatoria di ieri pomeriggio e il ritrovamento, avvenuto appena 24 ore prima nella vicina Lauro, di una pistola pronta all’uso, nascosta sotto il monumento dedicato alle vittime della strage di Bologna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here