Provinciali, almeno quattro liste: Giaquinto guida la civica, nel Pd non ci sarà Giordano

0
2893

Ultime ore per decidere le candidature e comporre il delicato mosaico delle liste che il diciassette dicembre correranno per un posto nel “Parlamentino” di Palazzo Caracciolo, dove si rinnova solo il Consiglio Provinciale, molto probabilmente l’ultima volta con il sistema delle elezioni di secondo livello.

In corsa ci sono al momento almeno quattro liste, quelle che vedono in campo il Partito Democratico, Italia Viva e l’area in particolare che fa riferimento al consigliere regionale Vincenzo Alaia, una civica dei consiglieri uscenti di area centrista e moderata, la lista di Davvero-Moderati, che vede in campo il saldo asse tra il sindaco della città capoluogo Gianluca Festa e il capogruppo dei Moderati in Consiglio Regionale Livio Petitto. Alla scadenza di lunedì non è ancora chiaro come parteciperà il centrodestra “ufficiale”, che dovrebbe vedere in campo i partiti della coalizione spinti dal sindaco di Montefalcione Angelo Antonio D’Agostino (comunque dato vicino alla civica di Giaquinto) e dei gruppi di Sinistra Italiana, Movimento Cinque Stelle e ambientalisti, che a quanto pare non saranno in corsa per le provinciali.

PARTITO DEMOCRATICO
A Via Tagliamento oggi ci dovrebbe essere la riunione definitiva per comporre la lista che sarà in campo alle provinciali. Al momento una delle circostanze che sarebbero (il condizionale e’ d’obbligo) confermate, riguarda il sindaco di Monteforte Costantino Giordano, che anche alla luce delle recenti vicende giudiziarie che lo hanno investito alla fine non si dovrebbe ricandidare. Il Partito Democratico dovrebbe però confermare gran parte della “pattuglia” di uscenti. In particolare le “quote rosa” (in lista devono essere almeno 5 su dodici le candidature femminili). Per quanto riguarda la città capoluogo ci sarebbe un “ballottaggio” tra Ettore Iacovacci e Nicola Giordano. Alla fine uno dei due sarà in lista.

LISTA CIVICA GUIDA GIAQUINTO
La vera “sorpresa” delle provinciali sarà la compagine “civica” degli uscenti, guidata dall’attuale vicepresidente della Provincia Girolamo Giaquinto, sindaco di Montoro, che vedrà in campo gli amministratori e i rappresentanti a Palazzo Caracciolo che hanno aderito alla maggioranza. Una civica senza appartenenze politiche, quella che in cima alla lista vedrà schierato anche un altro consigliere provinciale uscente, il vicesindaco di Lauro Pino Graziano, di area moderata, che vede anche molte simpatie nel centrodestra, nonostante quella che è in campo sarà una lista non legata a gruppi politici e maggiormente caratterizzata da esponenti che hanno riconfermato il patto istituzionale con Buonopane. Compagine a cui aderirà anche una rappresentante del gruppo di Angelo Antonio D’Agostino. Una squadra che potrà avere l’appoggio del centrodestra ma non dovrebbe rappresentare la coalizione ufficiale.

Le altre due squadre in campo sono quelle del sindaco di Avellino Gianluca Festa, con il simbolo di “Davvero” e il patto con i Moderati di Livio Petitto e la compagine di “Italia Viva” che fa riferimento al consigliere regionale Vincenzo Alaia.