Provincia – Il documento della Margherita: “Ritorniamo in Giunta”

0
79

Detto fatto. Come da noi anticipato, la Margherita, dopo la crisi aperta in Provincia, ritorna in Giunta. Dunque crisi superata, anche se non è il caso di cantare vittoria considerando che la partita con i Ds provinciali non è finita. Ad ogni modo riportiamo integralmente il documento, a firma del gruppo e degli assessori provinciali, stilato a seguito della riunione che si è svolta ieri mattina presso la sede di via Tagliamento.
“Avevamo richiesto alla Presidente De Simone se ritenesse che comportamenti diretti a destabilizzare la coalizione in seno alle istituzioni, spinti fino a raggiungere intese con la destra, quali quelli assunti dai Ds di Fontanarosa, fossero da considerarsi leciti. Chiedevamo, cioè, un’affermazione di principio, ma in relazione ad un fatto preciso e non in relazione a banali buoni propositi. La nostra domanda nasceva dall’esigenza di sapere se fosse ritenuta accettabile un’asimmetria di comportamenti per cui ciò che è vincolo di responsabilità per la Margherita, per altri è solo eventualità nel ventaglio delle convenienze possibili. A questa domanda la Presidente De Simone non si è sottratta. Il tenore ed il contenuto della risposta, pur nella formulazione necessaria del principio generale, costituiscono un riferimento preciso di giudizio: gli eletti hanno il dovere di costruire e difendere l’alleanza e, perciò, vanno evitati e non giustificati comportamenti non finalizzati a garantire la stabilità della coalizione, come invece accaduto a Fontanarosa. Alla luce di questa dichiarazione e soprattutto dell’impegno che da essa consegue sul piano dei comportamenti futuri per tutti gli eletti, gli assessori ritengono di poter accogliere l’invito della Presidente, ritirando le autosospensioni e continuando a garantire, unitamente al gruppo, quel rispetto delle istituzioni che alla Margherita non è mai venuto meno, anche nelle circostanze più difficili. Andrà ripresa l’attività amministrativa a partire da tutta una serie di problemi, posti in risalto anche dall’Udeur e dalle Rsu, che restano ancora aperti e che necessitano di un approccio meno superficiale, come testimonia la questione del personale degli ultimi giorni. Infine, riteniamo che si renda necessaria la convocazione di una Direzione del Partito per discutere ampiamente della situazione politica provinciale, dal momento che resta tutta aperta la questione dei rapporti con la segreteria provinciale dei Ds, dopo le parole offensive e le falsità storiche utilizzate nelle ultime settimane”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here