Protocollo d’intesa tra Benedettini di Montevergine e D.M.O Irpinia

0
1145

È stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra la Comunità Benedettina di Montevergine e la D.M.O Irpinia Ets.

Il protocollo sottoscritto dal Rev.mo Padre Abate Riccardo Guariglia e Vincenzo Castaldo ha l’obiettivo di definire il ruolo strategico ed operativo della D.M.O. (Destination Marketing Organization) a supporto delle attività previste nell’anno Giubilare Verginiano 2023-2024 ed in occasione del Novecentenario del Santuario di Montevergine.

La D.M.O si occuperà di operare, in diretta collaborazione con la Comunità Benedettina di Montevergine, per offrire contenuti, servizi di accoglienza e offerta turistica. Tra i principali obiettivi c’è quello di arricchire il calendario degli eventi istituzionali e liturgici in programma da maggio 2023 a maggio 2024, presentato il cinque aprile in presenza del Governatore della Campania Vincenzo De Luca.

«Abbiamo presentato la DMO Irpinia a inizio marzo, a Serino e Lacedonia. É un progetto che ha innanzitutto la volontà di fornire un nuovo modello di riferimento nell’ambito della programmazione turistica. Puntiamo su una strategia di medio lungo periodo attraverso visione, competenze, rete di professionisti. È necessario acquisire la consapevolezza che l’Irpinia abbia delle potenzialità e che il traguardo sia raggiungibile ma, probabilmente, ancora lontano. Ci vuole tempo e sudore, nessuno ci regala niente – afferma Castaldo che chiosa – raccogliamo con entusiasmo la fiducia del Padre Abate. Il Novecentenario è un’opportunità che dobbiamo cogliere. Le sfide ci piacciono, ma chiediamo al territorio, alle Istituzioni, ai Sindaci, alla Provincia e a tutti gli operatori professionali di essere al nostro fianco in questo percorso che, ne sono certo, porterà a degli ottimi risultati per tutta l’Irpinia».

La D.M.O. avrà una sede stabile nel Santuario e si focalizzerà, in prima battuta, sul target “turismo religioso” come principale attrattore ed aprendosi, un po’ alla volta, alla conoscenza di tutto il territorio.

«Il Novecentenario e l’Anno Giubilare Verginiano dovranno vedere tutto il territorio e le Comunità unite. Abbiamo una grande responsabilità verso i giovani di queste terre nonché delle aree interne. Gli eventi dovranno unire e favorire lo sviluppo di nuove opportunità – dichiara Guariglia».

A metà maggio, circa, sarà organizzata una presentazione in cui si illustreranno le iniziative che la D.M.O avvierà nei prossimi mesi a supporto del Santuario e sarà l’occasione per rappresentare la bozza del piano strategico di cui il Novecentenario ed il Giubileo Verginiano fanno parte.