Promozione e traforo del Partenio: il metodo Biancardi per mettere l’Irpinia al centro

Promozione e traforo del Partenio: il metodo Biancardi per mettere l’Irpinia al centro

19 Dicembre 2019

Renato Spiniello – Edilizia scolastica, Patrimonio, Ambiente e Viabilità: l’Amministrazione Provinciale, guidata dal Presidente Domenico Biancardi, traccia un bilancio di questo 2019 sui quattro settori di competenza. – QUI PER LEGGERLO NEL DETTAGLIO – “Sono stati fatti investimenti enormi – scandisce il Presidente Biancardi – in più abbiamo creato una cabina di regia che monitora giorno per giorno e passo dopo passo l’attuazione stessa del programma. Un metodo nuovo che ci consente controlli giornalieri sul programma”.

A Palazzo Caracciolo, tuttavia, in occasione della seduta odierna del Consiglio Provinciale e del consueto scambio di auguri in vista del Natale, si parla anche degli interventi per il 2020.

Domenico Biancardi

“Si parte dalla promozione del territorio, ovvero dalla Fondazione Sistema Irpinia – precisa Biancardi – ieri sono stato a Palazzo Santa Lucia in Commissione Bilancio che ho lasciato con grande soddisfazione. Il nostro progetto è stato chiesto da tutti i Consiglieri Regionali e abbiamo ricevuto tanti complimenti. Noi in ogni caso andremo avanti lo stesso, a prescindere dall’aiuto che potremmo ricevere o meno dalla Regione Campania”.

Oltre alla Fondazione, inevitabile parlare del Traforo del Partenio, uno dei cavalli di battaglia del sindaco di Avella. “Entro gennaio 2020 – svela Biancardi – avremo il piano esecutivo, puntiamo invece a cantierizzare l’opera per l’anno prossimo con fondi europei”.

Serve però l’aiuto della Regione Campania: “Il traforo collegherà su strada ferrata Baiano e la Valle Caudina con il napoletano. In Regione devono capire che l’Irpinia va collegata alla rete ferroviaria, perché turismo e promozione non servono a nulla senza trasporti. Occorre – conclude il rappresentante dei sindaci – fare squadra e darsi da fare, questo l’appello che rivolgo a tutti i Consiglieri Regionali: mettete l’Irpinia al centro”.