Privatizzazioni, Imbriano a De Mita: “La crisi comincia da qui”

0
5

“Le recenti dichiarazioni dell’on. De Mita, circa la necessità delle privatizzazioni e dell’aziendalizzazione dei servizi pubblici locali, non sono per nulla condivisibili e penso producano uno stato di diffusa preoccupazione tra i cittadini e i sindacati” -così Gennaro M. Imbriano, segretario provinciale di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea. “La politica –aggiunge Imbriano- si deve misurare col consenso. Di più, una politica positiva dovrebbe essere in grado di produrre il consenso. E basterebbe girare qualsiasi angolo dell’Irpinia per rendersi conto che una proposta di privatizzazione di servizi come l’acqua, i rifiuti, la sanità, l’istruzione, le pensioni, non solo non è in grado di produrre alcun consenso ma è addirittura in contrasto col senso comune dei cittadini”. “Vorrei dire all’on. De Mita che la crisi della politica comincia esattamente da qui. Credo che il Partito democratico non risolva affatto il tema della crisi della politica. Anzi spinge nella direzione di una ulteriore passivizzazione dei cittadini, si colloca sul pericoloso terreno dell’autonomia della politica dal sociale. Il Paese oggi chiede alla politica di cancellare la precarietà, di aumentare le pensioni minime e gli stipendi, di aprire una nuova stagione di diritti e sottoscrivere un impegno per il Mezzogiorno. E questo diceva anche il Programma con cui l’Unione ha vinto le elezioni politiche. Invece ogni giorno l’estremismo centrista di Rutelli e Fassino vorrebbe trascinare il Governo sulla strada delle vecchie politiche liberiste che di riformista non hanno proprio niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here