Preziosi: “In campo per voltare pagina. Contro di noi centri di interesse”

0
10

Marco Grasso – “Sono in campo per avviare una fase di profondo cambiamento. La nostra è una lista composta da persone serie, competenti e trasparenti. Dall’altra parte ci sono centri di interesse”. Dino Preziosi, candidato sindaco per Avellino con due liste, apre la sua campagna elettorale all’ex Carcere Borbonico, insieme al parlamentare Cosimo Sibilia.

“Sugli alloggi popolari c’era una graduatoria ancora aperta del 2013, perché ne è stata fatta un’altra?”, attacca il candidato di Forza Italia che ricorda di essere impegnato da anni nella denuncia della difficile situazione economico-finanziaria del Comune. “Le nostre iniziative sono agli atti, notte a tutte”.

Preziosi si sofferma poi sulle periferie. “Servono consultori di quartiere e servizi per i residenti: perché non utilizzare le strutture già presenti nelle nostre periferie? A Bellizzi, ad esempio, c’è un centro polivalente bellissimo di fatto inutilizzato”.

L’attenzione si sposta poi sulle politiche sociali. “Il piano di zona sociale di Avellino abbraccia 43 comuni: è un vestito senza anima e senza corpo. Nei mesi scorsi abbiamo assistito ad una lotta tutta incentrata sulla divisione delle poltrone. La verità è che non c’è ancora un piano sociale: i veri bisogni delle fasce più deboli non interessano nessuno”.

Il candidato sindaco di Forza Italia boccia anche il progetto di Area Vasta, “che ha messo insieme comuni troppo diversi tra loro e senza alcun punto di contatto: in questo modo diventa difficile immaginare un piano di crescita e sviluppo condiviso e omogeneo”.

“Si parla da mesi di inquinamento, ma non si propone e progetta nulla di concreto. Perché non si pensa a collegare Avellino Ovest con il raccordo Avellino-Salerno? Ci sono diverse tratte che possono essere programmate per liberare il centro città dal traffico. Servono idee e programmazione, c’è bisogno di voltare pagina”.

L’allarme inquinamento è strettamente collegamento al nodo dei parcheggi. “Il problema parcheggi poteva essere risolto con il Mercatone, come da me proposto da tempo”. Preziosi punta il dito contro la nuova organizzazione delle tariffe in città “che penalizzano soprattutto le fasce più deboli. I costi sono insostenibili. Il sistema di trasporto pubblico va riorganizzato: è nostra intenzione organizzare anche un servizio navetta dalle periferie al centro. E’ così che si incentivano gli avellinesi a fare a meno dell’auto”.

Preziosi si sofferma poi sulla crisi cronica che vive da anni il commercio in città. “Nella nostra lista ci sono persone impegnate in prima linea, credo che questa categoria vada adeguatamente rappresentata: parliamo di uno dei settori chiave della nostra economia”.