Presunti abusi sulle suore, l’avvocato Sarno a Padre Manelli: “Lasci stare Papa Francesco”

Presunti abusi sulle suore, l’avvocato Sarno a Padre Manelli: “Lasci stare Papa Francesco”

12 Novembre 2015

“Padre Manelli lasci stare il Santo Padre che ha cose ben più serie da fare che dar retta a un guitto malato di delirio di onnipotenza”. Lo ha detto a ‘La vita in diretta‘ su Rai1 l’avvocato irpino Giuseppe Sarno, legale di monsignor Fidenzio Volpi dal quale ha ricevuto il dossier sui presunti abusi e vessazioni ai danni delle suore dell’istituto delle suore francescane su cui indaga la Procura di Avellino.

Padre Stefano Manelli, in una precedente puntata del programma condotto da Cristina Parodi e Marco Liorni, aveva respinto le accuse e chiesto un colloquio con Papa Francesco.

Pochi giorni fa, l’inviata del programma Rai Sara Verta è stata in visita nella stanza dove vive padre Stefano Manelli.

Giuseppe Sarno

Giuseppe Sarno

“Faccio un appello a Papa Francesco – aveva detto Stefano Manelli davanti alle telecamere de ‘La vita in diretta’ – manifesto la mia piena disponibilità a un incontro con lei. Santità, siamo pronti a venire non appena vuole chiamarci. Ho necessità di incontrare il papa per fare chiarezza di tutta la posizione dell’Istituto dei francescani dell’Immacolata a beneficio della stessa Chiesa. Solo sua santità il Papa può dire la parola definitiva”.

“Si tratta di calunnie, di un ordito negativo – aveva aggiunto Enrico Tuccillo, difensore di Padre Manelli, a proposito delle accuse di abusi e violenze – e per quanto concerne l’appello al Papa, padre Manelli ha detto da subito di volerlo incontrare. Quindi la prego Santità, solo lei può chiarire questi equivoci, le posso testimoniare che padre Stefano vuole venire da lei in ubbidienza”.

Ma intanto arrivano nuove accuse: una signora dichiara che le sue due figlie sono suore in quell’istituto dove si sarebbero consumati gli abusi e lei non riesce più a parlare con loro. “Hanno parlato le fuoriuscite, che escono con l’animo avvelenato – si è difeso padre Manelli – io non ricordo di aver mai messo firme con il sangue. E non c’è mai stata violenza, persecuzione o minaccia”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.