Prefabbricati Montella: “I nostri figli vivono e giocano tra rifiuti pericolosi, fili scoperti, eternit, chiodi” La denuncia delle famiglie residenti

0
1167

Prefabbricati a Montella, tra lavori di bonifica e famiglie con bimbi che ancora vivono disagi tra i rifiuti pericolosi e degrado ambientale

 

Nell’area dei prefabbricati post sisma del 1980 in via Schito a Montella, procede l’opera di rimozione dei rifiuti. Ancora molte famiglie di extracomunitari però, con bimbi e anziani, vivono in queste baracche piene di amianto, tra immondizia, sostanze pericolose, resti di prefabbricati con lana vetro ed eternit e fili dell’energia elettrica scoperti.

Una situazione di degrado alla quale l’amministrazione comunale sta ponendo rimedio con grande impegno. La maggior parte dei residenti hanno ottenuto alloggi popolari dove poter vivere. Resta da compiere un ultimo sforzo per le famiglie che ancora abitano nei prefabbricati. Le persone respirano quotidianamente le fibre tossiche che si liberano nell’aria dai resti delle coperture e delle strutture dismesse.

Si alza il grido d’aiuto dei residenti: “La sera ci spengono l’illuminazione pubblica, i bimbi giocano tra i rifiuti tossici, se cadono a terra rischiano di farsi male perché ci sono pezzi di vetro e chiodi. Ci sono fili elettrici ad altezza uomo e respiriamo aria malsana. Servirebbero alloggi anche per noi”.

Una signora, invece, racconta i 42 anni vissuti nel prefabbricato: “Finalmente abbiamo una nuova casa, a fine mese ci trasferiamo grazie a questa nuova amministrazione. ma in questi anni siamo stati abbandonati e umiliati”.

Servizio di Enzo Costanza

Il video: