Pratola Serra aderisce all’Itinerario Culturale “Longobard Ways across Europe” e all’Associazione Longobardia

22 Maggio 2015

Il Sindaco Antonio Aufiero, con una lettera inviata direttamente al Settore Turismo e Cultura del Comune di Monza, ha compiuto il primo passo affinché il Comune di Pratola Serra aderisca all’Itinerario Culturale “Longobard Ways across Europe” e all’Associazione Longobardia, sottoscrivendo la manifestazione di interesse per l’Itinerario Europeo dei Longobardi.
Si tratta di un Itinerario Culturale Europeo secondo i criteri definiti dall’Associazione Longobardia, proponente ufficiale della candidatura presso l’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo, un programma trans-nazionale in corso di sviluppo sotto gli auspici del Consiglio d’Europa (Itinerari Culturali Europei), un fil rouge turistico-culturale che collega tra loro Paesi e città europee, anche minori, di matrice storica o di significativa presenza longobarda testimoniata da evidenze storiografiche, archeologiche, museali, artistiche e monumentali, pittoriche, ecclesiastiche ed anche naturalistiche.
Il Consiglio d’Europa ha promosso l’istituzione degli Itinerari Culturali Europei proponendosi di favorire la reciproca conoscenza e la cooperazione dei Popoli d’Europa su tematiche di condivisione culturale. Il controllo sulle candidature e relative procedure e sulla continuità nel tempo delle attività collegate ai vari Itinerari spetta all’Institut Européen des Itinéraires Culturels con sede in Lussemburgo.
Il Sindaco Aufiero – “Ho seguito personalmente questo progetto fin dall’inizio e ora che si iniziano a muovere i primi passi, consentitemi di essere contento. Spero vivamente che si possa rispondere ai tanti scettici sull’accoppiata Cultura-Economia. La finalità, invece, è propria quella di aumentare la visibilità e la conoscenza dei territori tramite la propria storia, come nel caso dei Longobardi, attraverso questo progetto trans-nazionale. L’Europa ci ha dato ragione approvando, appunto, un programma definito ‘Itinerari Culturali Europei’. Capisco e ammetto che c’è un grande lavoro da fare, ma chi si vuole cimentare in politica deve farlo a 360 gradi, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 – oggi ancor più di ieri. I nostri cittadini chiedono soluzioni ai tanti problemi che ci assillano e i politici non possono pensare di spendersi parzialmente solo su tematiche a loro più care. C’è bisogno di energia, freschezza, dinamicità e apertura di pensiero. Aprirsi ad un mondo che sta cambiando velocemente ma che, nello stesso tempo, sta perdendo la sua cultura storica”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.