Pratiche catastali: l’importanza di rivolgersi a un professionista

0
530

Le pratiche catastali sono un’incombenza burocratica necessaria da stilare ogni qualvolta si decide di edificare uno stabile o di fare qualche modifica a degli immobili già in essere.

Compilare tale documentazione e caricarla sul sito dedicato costituisce una procedura tecnica, per questo è fondamentale rivolgersi a un professionista in questo campo, così eviteranno errori e di conseguenza, si ridurrà a zero la probabilità di subire delle sanzioni da parte dello Stato.

Per trovare una figura professionale in linea con le proprie esigenze è possibile visitare il portale Prontopro.it, dove in pochi click si può richiedere il servizio di proprio interesse (se vuoi saperne di più clicca qui).

Parlare di persona con una figura autorizzata alla stesura di tali pratiche, infatti, è sempre un vantaggio in quanto si possono avere informazioni utili e chiarimenti. Coloro che sono autorizzati ad accedere al sistema delle pratiche catastali e presentare domanda telematica, in quanto attualmente questo è l’unico modo per inviare degli atti, sono architetti, ingegneri, agronomi, geometri, periti aziendali, agrotecnici, ecc. Parallelamente alla domanda bisognerà anche corrispondere una cifra per gli oneri d’ufficio e la parcella al professionista.

La funzione del catasto

 

Il catasto è un archivio, qui si possono trovare due tipologie di dati: quelli relativi ai terreni non edificati e quelli che riguardano l’edilizia urbana. Si tratta di un registro pubblico consultabile da chiunque, dove visualizzare tutti i fabbricati o le aree di proprietà statale e non.

Leggendo questo documento, inoltre, si viene a conoscenza anche del possessore della superficie, della sua grandezza, della destinazione d’uso, ad esempio se è abitativa o commerciale, e il reddito che crea. Avere tali informazioni può essere interessante qualora si voglia investire del denaro o se si vuole contestare qualche illecito.

Nel caso in cui si crei la necessità di apportare qualche cambiamento alle strutture costruite o a un terreno, ad esempio renderlo edificabile in seguito a una delibera del proprio Comune, bisogna comunicare questo aspetto anche al catasto così da modificare gli atti pubblici. Concretamente i privati cittadini potrebbero avere necessità di un professionista che si occupa di pratiche catastali quando devono fondere due appartamenti o, viceversa, frazionarli, oppure creare una nuova distribuzione delle stanze. Tali atti, solo in casi particolari, possono essere fatti dal dichiarante stesso, ad esempio se ci sono espropri o si verifica la mancanza di eredi ma, la maggior parte delle volte bisogna affidarsi a un tecnico.

Quando rivolgersi a un professionista per richiedere pratiche catastali

 

Rivolgersi a un professionista quando occorre inviare una pratica catastale è sempre una buona idea in quanto ci vuole una formazione specifica e una dimestichezza sia con il sistema che con i dati che devono essere forniti. Questi ultimi si possono desumere da planimetrie o devono essere calcolati secondo vari parametri.

Il professionista, oltre a presentare la domanda, darà preziose informazioni per muoversi correttamente in quest’ambito e non incorrere in sanzioni. Nello specifico occorre mandare per via telematica una pratica al catasto qualora: si vogliano costruire nuovi immobili, in questo caso si parla di accatastamento, quindi di una registrazione ex novo, variare delle precedenti unità abitative o aumentare le aree di queste, come l’edificazione di un nuovo piano.

Questa domanda non deve essere fatta per manufatti con un’area coperta di meno di 8 metri quadrati, vasche, serre, tettoie, ecc. Nello specifico un professionista in tale ambito, prima di inviare la domanda sul sistema, effettua un sopralluogo per prendere le misure e confermare quelle che sono state fornite dal committente, stila effettivamente le planimetrie catastali e chiudere la pratica.

Sarà lui ad occuparsi di ogni cosa, questo è un altro vantaggio nell’individuare un professionista, così da avere più tempo per interessarsi di altri aspetti relativamente al lavoro che si vuole svolgere, come la ristrutturazione o la costruzione di una casa.