Petruzziello: “Dalla Regione nuovo impegno per l’Irpinia, ma valuteremo esclusivamente i fatti”

0
24
Petruzziello Cgil
Petruzziello Cgil

“La rotta sembra essere cambiata, ma gli impegni vanno rispettati e le energie moltiplicate”.

E’ il commento di Vincenzo Petruzziello, segretario provinciale della CGIL di Avellino, il giorno dopo la visita del presidente della Regione Campania, Enzo De Luca, che ha inaugurato il cantiere del primo lotto della Lioni-Grottaminarda.

“La giornata di ieri sembra essere stata proficua per l’Irpinia – commenta Petruzziello – non tanto per l’inaugurazione del cantiere, ma per gli impegni dichiarati dal Presidente De Luca, sullo sviluppo, sulla vicende delle trivellazioni petrolifere, sulle questioni della sanità e sulle vertenze della forestazione. Registriamo sicuramente un clima diverso e un intento non più vessatorio nei confronti delle aree interne, sebbene, come non ci appassionavano prima le passerelle, anche oggi siamo pronti a valutare esclusivamente i fatti, ma va detto che rispetto al recente passato, l’Irpinia può ricevere maggiori attenzioni, piuttosto che penalizzazioni. Adesso tocca a tutti gli attori locali, dalle istituzioni, agli enti, passando per il sindacato e per i rappresentanti politici, veicolare su elementi concreti gli impegni assunti da De Luca e dalla giunta. Apprezziamo anche lo sblocco della vicenda relativa al completamento del tratto ferroviario dalla Stazione di Avellino al nucleo di Pianodardine. Già nei mesi scorsi – aggiunge Petruzziello – avevamo denunciato lo spreco di fondi per la realizzazione di un’opera ritenuta importantissima per il rilancio dell’area di Pianodardine che attendeva solo di essere completata. Un’opera di fatto già completa che attendeva gli ultimi 20 metri ed alcuni interventi minimi per poter funzionare a servizio dell’area industriale. Ciò ci fa ben sperare anche per un rilancio del sistema trasporto in provincia di Avellino.”.

Non mancano le sottolineature dolenti nel commento del segretario provinciale della CGIL: “Purtroppo, rispetto ai buoni propositi ed al rinnovato impegno, registriamo l’apertura di altre dolorose vertenze. A partire dalla vertenza della Mondial Group, che rischia di incidere ulteriormente sul bilancio già negativo dell’occupazione, senza dimenticare le altre vertenze, dall’Elital, allo stallo che si registra alla ex Irisbus, dove al placet di Invitalia al al piano di rilancio ed all’impegno di finanziamento di ben 31 milioni, deve adesso seguire l’impegni del management del nuovo gruppo, che adesso non ha più alcun alibi per tergiversare”.

Vincenzo Petruzziello, sottolinea anche la necessità di rilanciare l’azione del Tavolo per il Patto: “Occorre al più presto convocare il Tavolo per il Patto – dice il segretario della CGIL – in quanto vanno aggiornate le condizioni che hanno caratterizzato il confronto fino alla scorsa primavera. Concretizziamo – ricorda Petruzziello – l’impegno assunto dall’assessore Lepore, presente alla recente festa dell’Unità di Avellino, per essere presente al Tavolo per il Patto il prossimo 25 settembre, e pertanto chiediamo al presidente della Provincia di Avellino, Domenico Gambacorta, di procedere alla convocazione, con la presenza dell’assessore regionale. Occorre riformulare il piano di azione e di intervento, in primis sull’Alta Capacità Napoli Bari e sulla stazione logistica della Valle Ufita, inoltre dobbiamo verificare i tempi di realizzazione delle opera avviate, stabilire su quali comparti strategici chiedere ulteriori impegni concreti alla regione ed al Governo. Adesso è il tempo di raccogliere i frutti di un impegno che con il Tavolo per il Patto va avanti da oltre 4 anni e collateralmente chiedere che sulle questioni della sanità e dell’assistenza, dei trasporti, della forestazione e dell’ambiente ci sia un immediato cambio di rotta, soprattutto nell’ottica di garantire ai lavoratori maggiore tranquillità e servizi più efficienti ai cittadini, dopo 5 anni di tagli senza alcuna programmazione strategica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here