Perché rivolgersi a un’azienda di confezionamento

Perché rivolgersi a un’azienda di confezionamento

10 Settembre 2020

Praticamente qualsiasi attività commerciale ha la necessità di collaborare con un’azienda di confezionamento, indipendentemente dal prodotto che offre sul mercato. Si tratta infatti di uno dei principali passi da effettuare dal punto di vista del marketing. Attraverso l’utilizzo di packaging originale e personalizzato si ha la possibilità di raggiungere il cliente in modo più diretto, di coinvolgerlo, di invitarlo a scegliere un prodotto. Oggi le proposte di un’azienda di confezionamento devono essere molto varie, in quanto il packaging riguarda svariati prodotti, dal semplice servizio per arrivare sino agli alimenti o a prodotti industriali. Il tutto considerando anche la legislazione vigente, soprattutto per quanto riguarda il cibo.

Che tipo di packaging

Il concetto di confezione è molto ampio e variegato. Se poi si considerano tutte le vie del packaging pubblicitario, possiamo aggiungere alle confezioni dei prodotti anche articoli quali sacchetti, buste e borse, utilizzati anche dalle realtà commerciali che offrono servizi al posto dei prodotti. Oggi sono presenti anche nel nostro Paese aziende di confezionamento che sono in grado di soddisfare le esigenze di qualsiasi tipologia di cliente. Per farlo è necessario proporre materiali, naturali o innovativi a seconda dei casi, oltre a forme, dimensioni e possibilità di personalizzazione adatte ad ogni singola situazione. Il principale scopo del packaging è quello di rendere perfettamente identificabile il singolo prodotto, o la singola realtà commerciale, differenziandola in maniera netta da tutte le altre. In questo modo si pongono le basi di un marketing svolto in maniera corretta.

Lo scopo delle confezioni

Quando si decide di utilizzare confezioni personalizzate è importante anche considerare i compiti che la singola confezione dovrà svolgere. Lo scopo di una confezione permette infatti di valutare materiali, forme, dimensioni e caratteristiche peculiari del singolo prodotto. È semplice comprendere che un sacchetto offerto al cliente in un punto vendita deve avere caratteristiche diversi rispetto a quelle di un flacone per uno shampoo, o di una busta per la conservazione di un alimento. Entrano in gioco questioni di marketing, ma non solo. Esistono infatti anche legislazioni apposite, che riguardano il contatto tra la confezione e il contenuto, oltre che i materiali utilizzabili, anche per quanto riguarda i sacchetti vuoti da consegnare al cliente. Questi ultimi, ad esempio, devono essere in materiale compostabile, quindi in carta, tessuto o in materiale plastico che si degradi con il passare del tempo.

Il packaging per i prodotti deperibili

Come abbiamo detto, proprio il packaging per alimenti o altri prodotti deperibili rappresenta una sfida triplice: da un lato la confezione svolge uno scopo puramente commerciale, dall’altro lato deve consentire la conservazione del prodotto integro e in più è necessario seguire la legislazione vigente. La quale è particolarmente stringente soprattutto per quanto riguarda gli alimenti. Solitamente per risolvere il problema si ricorre all’utilizzo di particolari film plastici, creati accoppiando differenti materiali. Questo permette di rendere la confezione perfettamente trasportabile e pratica, ma anche protettiva per quanto riguarda l’integrità del contenuto. Il tutto senza che si rilascino sostanze dannose per la salute nell’alimento, ma anche senza che il prodotto deperibile si rovini con il passare del tempo.