PARTENIO 2.0/ Il caso arriva in Parlamento, interrogazione del deputato Del Monaco (M5S)

PARTENIO 2.0/ Il caso arriva in Parlamento, interrogazione del deputato Del Monaco (M5S)

16 Ottobre 2019

All’indomani della maxi-operazione eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Avellino che ha smantellato il nuovo clan Partenio in Irpinia, il caso è arrivato in Parlamento. Il deputato del MoVimento 5 Stelle, Antonio Del Monaco, generale di brigata, ha presentato un’interrogazione parlamentare, in cui ripercorre le vicende.

“Sono 23 le persone arrestate su ordine del Gip e richiesta della Dda di Napoli, nell’ambito dell’operazione condotta dai Carabinieri e della Guardia di Finanza. Tra gli indagati c’è anche il coordinatore irpino della Lega che si è autosospeso dall’incarico; avvisi di garanzia e decreti di perquisizione anche a Damiano Genovese, ex consigliere comunale della Lega, figlio del boss Amedeo”, dice il deputato.

“Diciassette invece gli indagati per altri reati, tra cui lo scambio elettorale politico-mafioso, ritenuti, in alcuni casi, “il braccio economico del nuovo clan Partenio”: il “Nuovo clan Partenio”, infatti, in parallelo con usura, estorsioni e traffico di droga, si avvaleva di un braccio economico-finanziario che aveva come riferimenti personaggi della politica e delle professioni. Nell’inchiesta è indagato anche Sabino Morano, imprenditore, segretario della Lega per la provincia di Avellino: nei suoi confronti si ipotizzerebbe il reato di scambio politico-elettorale mafioso”.

Del Moncaco chiude l’interrogazione parlamentare chiedendo “al Ministro della Giustizia di fare chiarezza sulla vicenda, e al Ministro degli Interni di valutare al più presto lo scioglimento del Consiglio Comunale di Avellino”.