Omicidio Tornatore, crescono i pentiti: il punto sul processo

Omicidio Tornatore, crescono i pentiti: il punto sul processo

23 Settembre 2020

Nuovo pentito nell’indagine sull’omicidio di Michele Tornatore, 64enne di Contrada, ammazzato a colpi di pistola e poi bruciato in un’auto in Irpinia. Il processo è stato rinviato al 28 settembre 2020.

A margine del differimento dell’udienza, come precisato dal procuratore generale, è emersa l’esistenza di un altro pentito che avrebbe reso dichiarazioni sul ruolo avuto da Francesco Vietri, condannato all’ergastolo in primo grado, nel delitto di Tornatore.

Gli avvocati di Vietri, i legali Anna Caserta e Nello Pizza, hanno già acquisito i verbali. Nella prossima udienza la Corte d’Appello di Napoli potrebbe decidere di ascoltare il nuovo testimone. Dichiarazioni che si aggiungono a quelle rese, in fase d’indagine, da un primo pentito che, in una testimonianza ritenuta inattendibile dai Pm ma che approderà in aula, aveva parlato del delitto Tornatore. Oltre a fare riferimento al ruolo avuto nella vicenda da un pregiudicato di Avellino. Adesso il nuovo colpo di scena.