Armi modificate e caccia illegale: ragazzi irpini assolti

Armi modificate e caccia illegale: ragazzi irpini assolti

23 Settembre 2020

Due ragazzi di Contrada sono stati assolti dall’accusa di alterazione di armi e caccia illegale. Gli imputati erano stati inseguiti e denunciati dai carabinieri di Montoro, nel 2014, dopo essere stati scoperti a cacciare fuori dalla stagione consentita. I militari avevano sequestrato i fucili e dimostrato che le armi erano prive del riduttore della capacità di carico e quindi più pericolose.

Oggi in aula l’avvocato dei due imputati, il penalista Carmine Ruggiero, ha chiarito che le armi dei ragazzi appartenevano ad arsenali sovietici e perciò privi di riduttore di carico dell’arma. L’elemento raccolto dall’accusa, però, non bastava a giustificare la sussistenza del reato.

Il giudice Sonia Matarazzo ha assolto gli imputati con formula piena, nonostante la richiesta di condanna formulata dal Pm Antonella Salvatore.