Novolegno, Fillea: “La crisi non si affrontacon i licenziamenti

0
2

Avellino -La Fillea Cgil di Avellino esprime forte preoccupazione per lo stato di crisi che attraversa l’industria Novolegno e per le misure prospettate dall’azienda per fronteggiare le difficoltà che da oltre un anno attanagliano lo stabilimento di Arcella. “Di fronte all’incapacità di fronteggiare la crisi del comparto – spiega Antonio Famiglietti, segretario della Fillea di Avellino – i vertici sociali prospettano soluzioni che hanno come unico obiettivo quello di “fare economie” colpendo la forza lavoro e prospettando drastiche riduzioni di personale. In oltre un anno la Novolegno ha visto progressivamente saturare i magazzini, senza preoccuparsi di trovare una collocazione alla produzione sui mercati. I lavoratori, insieme ai sindacati, hanno già mostrato senso di responsabilità e collaborazione, disponibilità dimostrata rinunciando ad oltre mille euro in busta paga su base annua. Oggi l’azienda illustra i propri conti dichiarando di subire perdite per circa tre milioni di euro alle quali si vuol far fronte attuando il taglio di 18 unità lavorative nel settore operativo ed organizzativo, senza passare nemmeno per la cassa integrazione straordinaria. Tale provvedimento porterebbe l’azienda ad una contrazione delle perdite per due milioni di euro. Intanto – aggiunge Famiglietti – nessun piano di investimento viene prospettato ai sindacati per ragionare sulla eventualità di rendere più competitivo lo stabilimento di Arcella, considerando che la Novolegno fa parte di un gruppo multinazionale con decine di sedi dislocate in mezza Europa e che quindi avrebbe l’opportunità di collocare la produzione irpina anche su mercati maggiormente recettivi. Sindacati e lavoratori non sono disposti a subire un ulteriore sacrificio, questa volta drammatico e non risolutivo dei problemi aziendali. L’assemblea di due giorni fa tenuta alla Novolegno ha messo a nudo tutti i problemi che interessano lo stabilimento irpino, che tra l’altro è uno stabilimento dove si lavora a ciclo continuo. La Fillea – conclude Famiglietti – ribadendo la netta contrarietà all’ipotesi di licenziamento prospetta per 18 lavoratori, sollecita i vertici della Novolegno ad utilizzare tutti gli ammortizzatori sociali disponibili e soprattutto a mettere in atto una serie ed efficace politica di rilancio aziendale”Giovedì prossimo alle ore 15, presso la sede di Assindustria, si terrà l’incontro durante il quale le organizzazioni sindacali sono pronte a ribadire quanto espresso già in sede di assemblea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here