FOTO/ Quando Tim Burton venne a fare l’albero ad Avellino

FOTO/ Quando Tim Burton venne a fare l’albero ad Avellino

23 Dicembre 2015

“Mai così tanta gente per il Corso”.

E’ quanto dichiarato dall’Assessore alle Attività Produttive del comune di Avellino, Arturo Iannaccone, nel corso della conferenza stampa tenutasi a Palazzo di Città per illustrare le manifestazioni natalizie presenti quest’anno nel capoluogo irpino. Le attività che hanno accolto i maggiori consensi da parte dei cittadini sono state il Villaggio di Natale lungo Corso Vittorio Emanuele, le luminarie, il cartellone di Avellino Città Natale 2015, il Villaggio dei Bambini e il Mercatino dell’Antiquariato.

Ed effettivamente, nonostante il boicottamento dell’amministrazione comunale, che ha “regalato” alla cittadinanza, nella settimana che precede il Natale, i limiti di circolazione imposti ai veicoli in base alle targhe pari o dispari degli stessi, con tanto di tolleranza zero per gli infrantori della regola, l’inverno nel capoluogo irpino sembra essersi acceso più che mai.

Le luci d’artista che hanno illuminato Corso Europa e Corso Vittorio Emanuele, rispettivamente a tema planetario e musicale, hanno caratterizzato le passeggiate in centro. Il tutto che culmina con l’albero addobbato nei pressi della villa comunale, fasciato a spirale fino in cima da luci appositamente installate.

Di certo molti vedendo l’abete avranno pensato al Cedro di Piazza Libertà, quello che un anno fa è stato sradicato in seguito alla relazione negativa redatta da Alma Tree. Allora emersero problemi per l’albero sia in quota che in cima e per questo fu abbattuto a maggio.

natale tim burton

Il Cedro di Piazza Libertà nel Natale 2013

Ad andare invece più indietro nel tempo, precisamente di un altro anno, ci ha pensato la pagina Facebook di Avellinews, ricordando il Natale del 2013, quando quel Cedro venne orrendamente addobbato, tanto che “sembrava essere stato fatto da Tim Burton in persona”.

Sottile ironia da parte del web, visto che il noto regista statunitense, ha legato il proprio nome alle ambientazioni gotiche dei suoi film, basta vedere le copertine macabre di pellicole quali “La sposa cadavere”, “Beetlejuice” o “Nightmare before Christmas”.

“Tim Burton sarebbe fiero di noi” ha ironizzato il web, e chissà che il regista non ci abbia davvero pensato se gli fosse capitato di vedere anche a lui il povero Cedro.

 


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.