Morto il cane antidroga del nucleo cinofili di Avellino, l’Osapp: “Buon viaggio Hanya”

0
1215

Morto il cane antidroga Hanya del nucleo cinofili di Avellino. Un grande dolore per tutto il corpo di Polizia Penitenziaria, come riferiscono il segretario provinciale e quello regionale, Ettore Sommariva e Vincenzo Palmieri, dell’Osapp, organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria.

“Hanya, cane pastore di colore grigio in forza al nucleo cinofili distaccamento di Avellino, condotto egregiamente da un Assistente Capo Coordinatore del Corpo di Polizia Penitenziaria, ha operato nei sistemi penitenziari al fine di impedire, grazie al suo infallibile fiuto, l’introduzione illegale sostanze stupefacenti sia al Nord che al sud della penisola e in altrettante operazioni portando a termine molteplici sequestri anche in altri ambiti in collaborazione con le altre forze di Polizia”.

“Era attaccato al suo conduttore da oltre 10 anni di onorato servizio, spesso per non separarsi da lui al termine del servizio faceva di tutto per farsi portare a casa dove trovava accoglienza e amore anche dai familiari”.

“Come OSAPP, siamo vicini al grande dolore che ha colpito il Corpo e il conduttore, tuttavia auspichiamo che i vertici del DAP provvedano ad un ampliamento della dotazione quando mai urgente di altri cani nel reparto cinofili non solo di Avellino, ribadendo anche la necessità di ammodernamento e rafforzamento complessivo del servizio e di una pianificazione strategica più compiuta nella strutturazione sul territorio della Campania e delle dotazioni complessive ai fini della prevenzione rispetto a un fenomeno sempre più dilagante negli istituti penitenziari. Grazie Hanya. Buon viaggio”.